Un commento

Niente prelazione per Centropadane, via libera ai piemontesi di Satap

autostrada

Via libera anche dal Comune di Cremona all’acquisto da parte di S.a.t.a.p. delle azioni di Centropadane messe in vendita dalla Provincia di Piacenza. La Giunta ha rinunciato al diritto di prelazione, e quindi alla società con sede a Torino (presidente Agostino Spoglianti, vice Daniela Gavio, a.d. Gianni Luciani) andrà un ulteriore 9,45% di capitale sociale della società che gestisce la tratta Brescia-Piacenza, pari a 283.914 azioni per un valore di 7.668.517 euro. La società piemontese detiene già l’1,63% dell’A21. Come si legge nella delibera di Giunta, i vincoli di finanza pubblica e il quadro normativo che spinge “gli Enti locali verso la dismissione di partecipazioni azionarie in società esercenti servizi pubblici locali di rilevanza economica e l’oggettiva situazione di difficoltà finanziaria attraversata dagli enti locali sull’intero territorio nazionale, impone l’obbligo di valutare in maniera prioritaria la destinazione di risorse pubbliche in favore di funzioni fondamentali e di maggior beneficio per le collettività amministrate”. Enti locali sempre più in difficoltà, ma anche sempre più bisognosi di opere sul territorio realizzate  con capitale privato. Questa la strada per molti versi segnata delle partecipazioni pubbliche, in una dinamica che interesserà sempre più anche i servizi pubblici quali distribuzione del gas e dell’acqua. Non stupisce quindi il rafforzamento della componente privata in A21, nata nel 1960 per iniziativa di quegli stessi enti territoriali che ora si ritirano (prima della Provincia di Piacenza lo aveva già fatto il Comune).

Il  comune di Cremona detiene il 5,91% dell’A21 (parte di queste quote passeranno alla sua partecipata Aem Spa).  La società piemontese è concessionaria per la costruzione e l’esercizio, fino al 30 giugno 2017, dell’Autostrada A21 Torino-Alessandria-Piacenza e di altre opere di collegamento con la viabilità esterna. Inoltre, in seguito alla riorganizzazione societaria, l’Autostrada Torino-Alessandria-Piacenza S.p.A. è concessionaria fino al 31 dicembre 2026, anche dell’Autostrada A4 Torino-Milano e di altre opere di collegamento con la viabilità esterna.

Oltre alla Provincia e al Comune di Cremona i soci di Centropadane sono le Province di Brescia, le Camere di Commercio di Cremona, Brescia, Piacenza, il Comune di Brescia, le municipalizzate Iren Piacenza, Aem Cremona, Autorità Portuale Genova, Autostrada Serenissima, Eredi Negroni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Bene non comune

    Questa è una brutta notizia, Le autostrade non sono state un esempio di buona privatizzazione. E questi privati sono conosciuti.