Commenta

Svuota il conto di una cliente, promotore finanziario alla sbarra

promotore

L'avvocato Cortellazzi

E’ accusato di appropriazione indebita Giorgio Braguti, 61 anni, di Cremona, promotore finanziario per conto della banca Mediolanum, accusato di essersi impossessato di 14.000 euro sottratti dal conto corrente di una cliente, effettuando bonifici bancari online in favore suo e dell’ex moglie. La cliente, 77 anni, piacentina residente a Cremona, si è costituita parte civile attraverso l’avvocato Massimiliano Cortellazzi.
Nella primavera del 2000 la donna aveva trasferito i propri risparmi alla Mediolanum, sollecitata dall’imputato, che lavorava per l’istituto di credito.
“L’agente”, come scritto nell’atto di costituzione di parte civile, “si era fatto consegnare i due codici necessari per accedere al conto ed effettuare le operazioni, spiegando alla cliente che così avrebbe evitato di essere chiamata tutte le volte”. “Negli ultimi mesi”, si legge, “dovendo acquistare una piccola automobile, la donna si era accorta, anche grazie all’aiuto della figlia, che sul proprio conto non solo non c’era il denaro, ma addirittura che non c’era più nulla”. Nello stesso momento la vittima si era resa conto che da circa un anno non riceveva più alcun estratto conto. “Dopo un colloquio, il 18 marzo del 2009, con gli incaricati dell’Ufficio ispettorato rete, nei primi giorni di aprile dello stesso anno aveva ricevuto da Mediolanum una lettera, allegata alla querela a suo tempo depositata, dalla quale si era scoperto che sul suo conto corrente, tramite Internet, erano state effettuate, non da lei e contro la sua volontà, delle operazioni di bonifico a favore dell’imputato e dell’ex moglie, per un ammontare di 14.000 euro”. “In seguito a questi fatti”, scrive il legale, “vedendo bruciati i risparmi di una vita, la mia cliente ha accusato seri problemi di salute”. Si va in aula il 16 gennaio. Nella causa civile davanti al giudice Alessandra Medea Marucchi che ha visto contrapporsi la cliente e la banca, si è arrivati ad un accordo. L’istituto di credito ha restituito alla donna parte della somma.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti