Commenta

Borseggiatori e atti persecutori, controlli e denunce

carab

I carabinieri di Cremona hanno eseguito numerosi controlli sul territorio. Sono state denunciate a piede libero otto persone per vari reati.

TRE ROMENI ‘BORSEGGIATORI’ AL CREMONA2

I carabinieri della stazione di Vescovato hanno denunciato tre cittadini romeni responsabili di tentato borseggio all’interno di un negozio di scarpe nel centro commerciale “Cremona due”. I tre, G.M.M. di 31 anni, G.C.I. di anni 29 e S.G.F. di 19 anni, tutti residenti a Cremona, sono stati notati mentre avvicinavano una cliente del negozio, tentavano di portarle via il portafogli dalla giacca e poi cercavano di dileguarsi. Immediato l’allarme al 112. I carabinieri hanno bloccato i tre romeni che, anche grazie alle immagini di videosorveglianza, sono stati inchiodati alle loro responsabilità.

IN MOTO SOTTO L’EFFETTO DELL’ALCOL

Un cittadino marocchino A.A. di 44 anni, residente a Casalmorano, è stato denunciato dai carabinieri di Pizzighettone per guida in stato di ebrezza. E’ stato notato alla guida di un motociclo di sua proprietà mentre procedeva con andamento piuttosto irregolare. I carabinieri l’hanno fermato e hanno constatato l’assoluto stato di alterazione dovuto all’abuso di alcol. L’uomo si è rifiutato di sottoporsi all’alcoltest. I militari hanno comunque proceduto nei suo confornti per guida in stato d’ebbrezza alcolica e rifiuto di sottoporsi ad accertamento tecnico. Mezzo sequestrato e patente ritirata.

DENUNCIATI PER POSSESSO DI ARMI

Operazione dei carabinieri di Cremona. Due romeni sono stati notati da una pattuglia nel centro cittadino. Sono stati perquisiti e sono stati trovati in possesso di una serie di attrezzi atti allo scasso di cui i due non sapevano giustificarne il possesso. Attrezzi sequestrati. I due, G.C.G. di 39 anni e G.V. di 31 anni, entrambi residenti in città e con precedenti specifici a carico, sono stati denunciati per possesso ingiustificato di armi o chiavi alterate.

ATTI PERSECUTORI ALLA EX, DENUNCIATO 35ENNE

I carabinieri della stazione di Vescovato hanno denunciato per atti persecutori P.A. di 35 anni, originario della provincia di Catania. L’uomo, dopo essersi lasciato con la fidanzata, continuava a far pressione sulla donna che già altre volte aveva lamentato comportamenti persecutori. Chiamate continue, pedinamenti insistenti e fastidiosi tali da impedire alla donna un regolare sviluppo della propria vita. Il 35enne è stato denunciato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti