Commenta

Cure a stranieri, anche irregolari Rinnovo convenzione Asl-Articolo 32

articolo32

L’Asl ha rinnovato la convenzione con i medici del Gruppo Articolo 32 per l’assistenza sanitaria di base agli stranieri. Un progetto nato da tempo sulla base del puro volontariato di un gruppo di medici ospedalieri, poi formalizzatosi a fine 2011 con l’Asl attraverso un’apposita convenzione. Quella che adesso, sulla base dei positivi riscontri ricevuti, viene rinnovata per un altro anno e mezzo, fino al 30 aprile 2015, con una spesa irrisoria per la sanità pubblica, ma con molteplici vantaggi per la collettività oltre che per gli stranieri temporaneamente presenti sul territorio. Nessuno viene escluso dagli ambulatori di Articolo 32, nemmeno gli irregolari che ovviamente non possono accedere alle cure del medico di base. L’Asl cremonese sosterrà per il 2014 una spesa di 10mila euro e per il 2015 di 3500 euro, per la fornitura di farmaci di classe A e per quelli per le patologie croniche quali asma o ipertensione arteriosa.

La collaborazione ha mostrato di funzionare  perchè sgrava in parte il pronto socorso ospedaliero da accessi impropri. Garantisce inoltre, come si legge nella delibera a forma del d.g. Compagnoni,  “il diritto alla salute; previene le malattie infettive e la loro diffusione nella comunità; previene episodi significativi di degrado sanitario”.

©  RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti