4 Commenti

Forza Italia, nasce gruppo in Provincia Agli amici di Ncd: "I voti sono qui"

forzaitalia-evid

Sopra, da sinistra Pinotti, Rossi, Bertusi, Ghidotti, Gallina e Agazzi (foto Sessa)

Presentato a SpazioComune il nuovo gruppo consigliare di Forza Italia in amministrazione provinciale. Carloalberto Ghidotti, Luca Rossi, Fabio Bertusi, Gabriele Gallina, Antonio Agazzi, insieme all’assessore Gianluca Pinotti e all’assente Giuseppe Fontanella (ex assessore ora “prestato” al Fondo Eridano quale rappresentante dell’ente). La scelta del gruppo di presentarsi pubblicamente nonostante resti aperto a nuovi ingressi nasce dagli input nazionali, da quanto sta avvenendo nelle altre amministrazioni locali e dalla necessità di rimarcare le differenze dal Nuovo centrodestra, pur rimanendo unitario il sostegno all’amministrazione Salini. Lunedì prossimo 23 dicembre il nuovo gruppo sarà operativo in Provincia, dove il Consiglio discuterà il Bilancio, e questo implicherà giocoforza – ne è convinta FI –  che anche NCD costituisca il suo.

“Continueremo a sostenere il presidente Salini – ha detto Agazzi – e cominceremo approvando il bilancio 2014. E’ un bilancio che non si può non condividere, nel segno del risparmio sulle spese dell’ente, dei proventi del Fondo Immobiliare e della riduzione del debito della Provincia, passato dai 105 milioni di cinque anni fa a 85. Questo consente di aumentare gli investimenti di 7,5 milioni in opere utili per i cittadini. Il fatto poi che si vada ad approvare il Bilancio preventivo già a dicembre consentirà di dare il via ai lavori  già l’anno prossimo e anche questo non è  scontato che avvenga nelle pubbliche amministrazioni”.

Compagni di strada con Nuovo Centrodestra fino alla fine del mandato Salini, anche se con alcune sottolineature. Ancora Agazzi: “Agli amici di Ncd dico che siamo persone serie e continueremo a sostenere il presidente che ha fatto una scelta politica diversa dalla nostra, scegliendo un partito minore, come dicono i sondaggi”. E Ghidotti: “Quando si parla di meritocrazia, come leggo nei  programmi di FI e Ncd, occorrerebbe  essere coerenti fino  in fondo, mentre in passato, penso ai tre candidati per le elezioni regionali, non è sempre stato così”. Ghidotti ha poi corretto quanto emerso da fonti sindacali nella scorsa assemblea del personale indetta da Cgil Cisl e Uil nell’aula magna del Vacchelli: “Non è vero che dal 1 gennaio la Provincia sarà commissariata. La proposta Delrio, tuttora in discussione con molti emendamenti, prevede la creazione di un ente di secondo livello, ma non è ancora operativa; a tutt’oggi le elezioni provinciali si terranno nel 2014. I quattro mesi che abbiamo davanti sono assolutamente operativi per la Provincia.

Sulle ragioni nazionali della nascita di Forza Italia è intervenuto Gallina (no al governo delle tasse); mentre Bertusi (ex vicesindaco di Soresina, prima amministrazione di centrodestra “saltata” nel post-Pdl) ha indicato i tre argomenti di maggiore impegno nei mesi che restano al mandato Salini: sistema idrico integrato, Piano Rifiuti (andrà in Giunta lunedì, prima del Consiglio), governance societarie. “Vedo positività tra gli elettori e un rinnovato entusiasmo”. Rossi ha rimarcato il fatto che l’appoggio alla giunta Salini sarà positivo ma non acritico, mentre Pinotti, definito “ponte” tra Ncd e giunta, ha parlato di ritorno alle origini: “In Forza Italia sono sempre rimasto, anche quando è sorto il Pdl, questo è un percorso in continuità con una scelta fatta 20 anni fa. Adesso abbiamo più esperienza ma siamo ancora giovani”. Il più anziano dei presenti, Agazzi, ha in effetti 45 anni. A lui, cremasco, il compito di spronare Oreste Perri a ricandidarsi: “Mai visto un amministratore che si spende così tanto per i suoi cittadini e che riceve tanta stima dagli stessi. Noi confidiamo in lui, aspettiamo con grande ansia la sua ricandidatura ufficiale oltre che di vedere la nascita del gruppo consigliare in Comune”.

Che invece il consigliere Giorgio Everet (presente in sala con l’assessore Francesco Zanibelli), non ha alcuna fretta di patrocinare. “Lo faccia prima il Nuovo Centrodestra”, afferma. Tre, in questo momento i “certi” di Forza Italia: oltre allo stesso Everett , fresco di nomina dal regionale FI quale coordinatore “senior”, Domenico Maschi e Carloalberto Ghidotti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • la stella polare

    Quando ci sono le elezioni sono tutti amici…..Bene allora unitevi ma lasciate stare alleanze pro sindaco che per vincere deve correre da solo. lui e i cittadini e BASTA!! A casa tutti, vice, assessori e il PASSATO. Peeri vincerà senza giochi di partiti e sarà lui a decidere con chi collaborare. Solo gente comune, giovani e gente con esperienza lavorativa alle spalle. Questa politica divisi ma uniti, nemici ma amici, ex amici ora avversari ha fatto il suo tempo: E’ FINITA, nessuno vi vuole più.
    Perri scegli la strada del movimento popolare, non i 5 stelle, e vai con la gente di piazza, solo loro ti guideranno non i politici con le loro alleanze.

  • CREMONESE DOC

    Concordo, Perri, manda a casa questi incompetenti, basta guardare gli assessori che hai o certi presidenti di partecipate che hai nominato per capire che sei stato schiavo dei partiti!
    Da solo avrai sicuramente l’appoggio di più gente, sarai la vera novità, fai in modo che siano i partiti a legarsi a te e non il contrario!r
    5 anni (passati) per conoscere bene i problemi, 5 per risolverli, ultima chiamata!
    Si sentono nomi al posto di Perri come Rossoni, Zamboni, che dire, al NCD e Forza Italia, piace farsi del male, piuttosto Zagni della lega, almeno non ci sarebbero più i riciclati!

    • la stella polare

      Si, Perri oggi è maturo per gestire la cosa politica…ma deve avere tutta la cittadinanza intorno, non sarà facile, ma lui rappresenta ancora una garanzia di onestà. Perri deve ritornare in mezzo alla gente e togliersi la giacca…proporrei una campagna alla Obama con meno proclami e molta sincerità alla Lady Diana nella sua confessione alla BBC….. non avere paura di affrontare gli errori e le debolezze davanti a tutti come farebbe un vero leader. Perché Perri è l’unico vero leader che Cremona abbia mai avuto. Il resto…..è il solito anonimato che alla città non serve, Cremona ha bisogno di una star e Perri si può permettere di giocare questa carta, se lo vorrà, per la sua Cremona.

  • forzanuova

    ma spazioComune non è vietato alle iniziative dei partiti politici?