Commenta

Primo di giorno di saldi, code alle casse La pioggia non ha frenato gli acquisti

primisalti-evid

I cremonesi sfidano il maltempo per andare a caccia dei primissimi sconti della stagione. Un velocissimo sondaggio, certamente non esaustivo delle tante realtà del commercio cittadino, evidenzia commenti positivi per la prima giornata di saldi, anche se la pioggia battente non ha certo dato una mano. “Purtroppo una giornata come questa non è il miglior modo per iniziare i saldi, anche se devo dire che di vendite ne ho fatte” racconta la titolare del negozio di intimo maschile Adam’s, su corso Campi. “Avrei preferito comunque contare su un tempo migliore. C’è anche da dire che, seppur in sordina, molti i negozi avevano iniziato in anticipo gli sconti, e la gente aveva già iniziato a circolare da subito dopo Natale”.

Pioggia o no, i corsi dello shopping si sono riempiti, così come molti negozi, in cui alle casse si sono viste vere e proprie file di persone e da cui i clienti sono usciti carichi di borse. “Probabilmente molti si sentono attratti dal fatto che gli sconti sono partiti forti fin da subito: noi applichiamo già il 50%”, afferma Cristina, responsabile del negozio Sisley di corso Campi. “I saldi sono partiti piuttosto bene: la gente entra, compra e spende. Certo, la crisi c’è e si sente, rispetto al passato, ma non ci possiamo lamentare. Del resto, per quanto ci riguarda, le vendite sono andate bene anche nel periodo natalizio”.
Partenza positiva anche per le calzature, come conferma la titolare di Square outlet. “Sicuramente se fosse stata una bella giornata sarebbe andata ancora meglio: la pioggia non invoglia certo la gente ad uscire. Tuttavia il richiamo dei saldi  non manca, la gente entra e  acquista, soprattutto quando gli sconti sono evidenti”.

Un buon inizio, tuttavia, non offre la certezza che i saldi andranno bene: ne è convinto Giuseppe Brambati,  titolare di uno dei negozi di abbigliamento più consolidati, Joseph di corso Garibaldi. “I clienti che arrivano il primo giorno di saldi hanno già in mente cosa vogliono comprare perché hanno atteso fino a quel momento l’abbassamento del prezzo di quel determinato capo che li interessa -spiega -. La partenza quindi è buona, ma questo non ci dà la garanzia che tutto andrà bene. Faccio questo lavoro da 40 anni e posso tranquillamente dire che il carico di lavoro è dimezzato, negli ultimi anni. Per dire che i saldi sono andati bene, ci vorrebbe una continuità per tutti i due mesi di durata. Sinceramente non sono molto ottimista”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti