Un commento

Viale Trento e Trieste: 5 incidenti in 2 settimane. Problema sicurezza?

trentotriesteevid

Viale Trento Trieste poco sicura? I cinque incidenti verificatisi nelle ultime due settimane – due tra autovetture, due che hanno coinvolto ciclisti e un investimento di pedone – riportano l’attenzione sulla questione mai risolta della sicurezza della direttrice. Uno dei problemi principali è quello della pista ciclabile, che tale non è, come evidenzia anche l’assessore alla mobilità sostenibile Francesco Bordi: “Si tratta di una corsia per biciclette, evidenziata per segnalare che in quel lato passano appunto le bici. Per realizzare una vera pista ciclabile – che comunque è nei programmi per il futuro, si dovrebbero spostare i parcheggi più verso la carreggiata in modo da poter realizzare la pista accanto al marciapiedi. Questo comporterebbe anche l’abbattimento di diversi alberi. E naturalmente sarebbe un intervento costoso. Bisogna vedere se chi amministrerà la città nel prossimo quinquennio riuscirà a metterlo in atto”. Tuttavia l’assessore non dà la colpa degli incidenti alla strada: “I due incidenti che hanno visti coinvolti due ciclisti sono stati legati a disattenzione di quest’ultimi – spiega Bordi -. Gli altri tre sinistri sono stati dovuti alle piogge insistenti dei giorni scorsi”. Tuttavia un miglioramento della situazione sicurezza potrebbe arrivare presto, non appena saranno terminati i lavori di messa in sicurezza degli incroci tra viale Trento Trieste e via Dante, oltre all’introduzione del limite dei 30 km/h sulla corsia di via Dante dedicata ai parcheggi.
“Certo è che chi decise di mettere i sensi unici in questi due viali avrebbe dovuto pensare prima di tutto alla sicurezza degli utenti più deboli, mentre ciò non fu fatto e ora ne vediamo le conseguenze” conclude Bordi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • zenigweb

    Morti e feriti di via Dante e Trento Trieste sono sulla coscienza di chi ha voluto trasformarle in autostrade con il senso unico ma anche sulla coscienza di chi ha vinto le elezioni con la promessa di eliminarli e poi non lo ha fatto.