Commenta

Scontri durante la commemorazione delle Foibe, denunciati sei membri del Kavarna

artifizi-evi

Denunciati all’autorità giudiziaria sei membri del centro sociale Kavarna, in seguito agli eventi verificatisi lunedì sera in occasione della fiaccolata promossa da CasaPound in commemorazione delle vittime delle Foibe. I fatti si sono verificati tra le 20.30 e le 22.30 in piazza Fiume. La manifestazione si stava svolgendo regolarmente quando – come raccontano dalla questura – una ventina di antagonisti anarchici con i volti travisati si sono presentati nella piazza improvvisando azioni di disturbo e di contestazione, urlando slogan antifascisti ed inneggianti alle Foibe, e tentando di raggiungere la piazza in cui si svolgeva la fiaccolata.
La tensione è però esplosa verso le 22.30 quando il gruppo anarchico nascosto dietro uno striscione, ha iniziato a lanciare petardi contro il cordone delle forze dell’ordine schierate per l’occasione, senza fortunatamente provocare lesioni o danni. Ne è seguito un piccolo scontro, durante il quale le forze dell’orxdine sono riusciti a disarmare i facinorosi, che cercavano di aggredire gli uomini della squadra mobile con dei lunghi bastoni. Il tutto si è concluso fortunatamente senza feriti; unica conseguenza la rottura della visiera di un casco protettivo e il danneggiamento di uno scudo.
I responsabili dei fatti sono stati individuati, a seguito di un’accurata indagine, e segnalati all’autorità giudiziaria nella mattinata di mercoledì, con le accuse di manifestazione non autorizzata, resistenza e violenza a pubblico ufficiale, danneggiamento aggravato, accensioni ed esplosioni pericolose, travisamento in pubblica manifestazione e divieto di possesso di prodotti pirotecnici vietati. Gli uomini della questura hanno sequestrato due bastoni di notevoli dimensioni, e artifizi esplosivi classificati, come appartenenti alla IV° Categoria (non di libera vendita) ed il cui possesso deve essere denunciato all’Autorità di Pubblica Sicurezza ex art. 101 Tulps e per i quali vi è il divieto di utilizzo nella pubblica via ex art 57 Tulps. La questura fa sapere che sono in corso ulteriori indagini, al fine di ndividuare altri elementi dell’area anarco-antagonista, resisi responsabili di fatti penalmente perseguibili.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti