3 Commenti

Sesso a tre col cane Ma il reato non è previsto da legge italiana

pastore-tedesco-occhi-ev-460x235

Due donne, madre e figlia, facevano sesso a tre col loro cane, un pastore tedesco. La notizia ha scosso, nei mesi scorsi, il Casalasco, impazzando sul cartaceo e sul web. Già, il Casalasco, appunto, perché la notifica apparsa sul sito di Aidaa, Associazione Italiana Difesa Animali e Ambiente, era stata molto generica, parlando di territorio e non di uno specifico comune.

Gli ultimi aggiornamenti, riferiti direttamente dal presidente di Aidaa Lorenzo Croce, servono a circoscrivere ulteriormente la zona: si tratta infatti del comune di Casalmaggiore. Non è tutto: più che di denuncia sarebbe corretto parlare di segnalazione, partita dai terminali milanesi di Aidaa verso la procura di Cremona lo scorso 10 gennaio, corredata anche da foto eloquenti (ma non pubblicabili, per ovvi motivi). Come noto, le due donne, una di 66 e l’altra di 45 anni, affette probabilmente da turbe psichiche, si dilettavano a fare sesso col pastore tedesco nella sua cuccia. Non c’è molto altro da aggiungere… Una situazione che aveva allarmato i vicini di casa ed è appunto arrivata alle orecchie dei volontari di Aidaa, che da lì hanno segnalato il tutto alla Procura. Una delle quasi 60 segnalazioni settimanali delle quali l’associazione si fa carico.

L’altra novità importante nella vicenda, che promette di avere una risposta pseudo-definitiva ad aprile (non prima, il tempo di 2-3 mesi a partire dal fatidico 10 gennaio va messo in preventivo, dicono i volontari), è insita proprio nella diversa terminologia del documento inoltrato agli organi competenti. Segnalazione, abbiamo detto, non denuncia. Perché? Perché il reato specifico, che pure rientrerebbe nell’ambito del maltrattamento di animali (articolo 455 del Codice Penale), non è previsto dalla legge italiana, spiegano dalla sede di Pregnana Milanese, e dunque quasi certamente il caso verrà giocoforza archiviato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Seppe Marin

    Che storia assurda, a parte il disgusto che si potrebbe provare, ma con tutta quella gente che va a letto con le prostitute o con le proprie suocere, e con i pulcini, gli agnellini, i maialini sgozzati per nutrire i cani…questo mi sembra un delitto, un peccato mortale
    Wvegan

  • Sandro Gugliermetto

    Mi sembra incredibile che ci si preoccupi di più per la “psiche” del cane che per la psiche delle due signore.

  • lorella

    con i tribunali intasati e le gli innumerevoli atti di sadismo nei confronti dei cani questo mah! se il daflorato non era il cane….contente loro , certo troppo bene è ovvio che non stanno le due signore.la butto là ,se il cane era consenziente e maggiorenne……