Commenta

Prestito bibliotecario online, Cremona c'è ma senza Statale

library-evid

Arriva anche a Cremona la biblioteca digitale Media Library OnLine (Mlol), il portale per accedere gratuitamente a musica, film e-book, quotidiani, periodici, contenuti per l’e-learning. Un sistema a cui aderisce il Comune di Cremona e le biblioteche civiche della provincia facenti parte della Rete bibliotecaria cremonese, che grazie al prestito digitale consente agli utenti registrati di accedere alle risorse direttamente via Internet, da casa o da qualunque  dispositivo mobile.  La presentazione delle modalità di funzionamento di Mlol avverrà mercoledì prossimo, 26 Febbraio  alle 17.30 nella  Sala Eventi di SpazioComune. Ne parleranno Alessio Marazzi, presidente Rete Bibliotecaria Cremonese, Francesca Moruzzi, coordinatrice Rete Bibliotecaria Cremonese; Francesco Pandini, referente tecnico MLOL – RBC, oltre agli amministratori locali di Provincia e Comune che hanno patrocinato il progetto e a Gerardo Paloschi, Direttore Generale di Lineacom. Durante l’incontro verrà mostrato come sfogliare un giornale on line, come ascoltare o scaricare musica, vedere un film o scaricare un e-book direttamente sul proprio reader.
MediaLibrary è il primo e unico network italiano di biblioteche per la gestione del prestito digitale, frutto di un consorzio di cui fanno parte prevalentemente biblioteche pubbliche civiche, ma anche alcune di Stato. Dalla rete cremonese c’è una vistosa assenza ed è quella della Biblioteca Statale di via Ugolani Dati, punto di riferimento per il cartaceo per migliaia di cremonesi e non, che non ha potuto entrare nel consorzio in questa prima fase per mancanza di disponibilità economiche. Il passaggio dovrebbe avvenire in un prossimo futuro e comunque la Statale ha dato disponibilità della propria sala multimediale per l’accesso ai contenuti da parte dei singoli utenti. Il catalogo dei testi leggibili on-line attraverso Mlol è sia gratuito che a pagamento, ad esempio per quanto riguarda gli abbonamenti ai quotidiani e riviste.

Per Cremona che ambisce a diventare smart city si tratta di una buona opportunità, anche se l’integrazione con la Statale avrebbe dato da subito maggiore completezza all’offerta, oltre ad avvicinare la biblioteca al mondo multimediale dopo la triste disavventura della mediateca di via Palestro.

MODALITA’ ADESIONE – L’adesione al servizio da parte dell’utente è subordinata ad una semplice iscrizione (una tantum, senza scadenza alcuna) da effettuarsi presso la propria biblioteca di riferimento ovvero presso uno o più sportelli individuati. L’operatore preposto registra i dati nel portale dedicato e l’utente riceve direttamente sulla sua casella di posta una mail con le credenziali di accesso. Il cittadino, ottenute le credenziali in posta elettronica è in grado di accedere a tutte le risorse rese disponibili dal sistema bibliotecario/comune di appartenenza senza alcuna limitazione, 24 ore su 24, 7 giorni su 7, per tutto l’anno, direttamente dal proprio pc di casa o dell’ufficio oppure dal proprio tablet. L’iscrizione è vitalizia e non comporta, quindi, nessun rinnovo annuale. Svolta questa semplice operazione egli diventa poi di fatto autonomo tanto nella consultazione quanto nella gestione del proprio profilo.

Il Comune di Cremona ha attivato tre punti di accesso alla rete, allestiti presso Spazio Comune, Informagiovani e Centro Fumetto “Andrea Pazienza”. Per iscriversi basta recarsi presso una di queste sedi portando con sé carta d’identità e codice fiscale. L’abilitazione sarà immediata, con conferma via mail da parte dell’utente. Questa prima rete è solo l’inizio. Successivamente saranno attivati ulteriori punti di accesso presso altre sedi, scuole e Biblioteca Statale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti