Commenta

Inseguimento e arresto, banda di ladri moldavi presa dai carabinieri

carab-evid

AGGIORNAMENTO – Banda di moldavi arrestata dai carabinieri di Cremona. In cinque sono stati bloccati all’alba di venerdì dopo un tentato colpo ai danni di un negozio Trony (prodotti elettronici) nel Bresciano, a Montichiari. Sono stati presi dai militari del nostro territorio al casello autostradale dopo un inseguimento tra le province di Brescia e Cremona.

L’allarme al Trony di Montichiari è scattato attorno alle 4,15: segate le sbarre di una finestra posteriore del magazzino, alcuni individui con passamontagna e guanti sono entrati nel centro. La fuga è scattata all’arrivo dei carabinieri di Desenzano. Dopo un breve inseguimento lungo la statale, i malviventi si sono gettati dal furgone (risultato rubato a Modena il mese scorso) e si sono dileguati nelle campagne. Nel frattempo l’allerta era stato diramato anche all’Arma di Cremona e alle polizie stradali lungo l’autostrada.

Nelle ricerche sono stati coinvolti i militari del Nucleo investigativo del comando provinciale cremonese. In abiti civili e con auto civetta, questi ultimi hanno iniziato a monitorare la zona con attenzione (con il sorgere del sole e l’aumento del traffico tutto sarebbe diventato chiaramente più complicato). Attorno alle 6 – fanno sapere dal comando – due uomini sospetti sono stati notati fermi su una panchina, bagnati e sporchi di fango. I militari si sono appostati e hanno atteso e dopo pochi minuti un’Audi A4 e una Golf sono arrivate a gran velocità e i due sono rapidamente saliti a bordo. E’ poi partito un inseguimento durante il quale – sottolineano dal comando – dai finestrini gli uomini in fuga hanno lanciato grossi borsoni contro le auto dell’Arma e hanno tentato di buttare fuori strada i carabinieri speronandoli con manovre pericolose.

Mezzi del Radiomobile dei carabinieri e della Polstrada di Cremona si sono piazzati al casello di San Felice e per i fuggitivi non c’è stata via di scampo. Questi ultimi hanno tentato un ultima resistenza ma sono stati immobilizzati e ammanettati. Gli accertamenti in caserma hanno fatto emergere numerosi alias e diverse pendenze con la giustizia. In arresto, accusati di tentato furto al Trony di Montichiari, sono finiti Vasile Savin, Aurel Daranuta, Oleg Baciu, Oleg Suharenco, Adrian Nita, tutti tra i trenta e i quarant’anni, domiciliati a Viadana, Carpi e Parma. I carabinieri non escludono che abbiano già compiuto colpi simili in passato (indagini in corso).

Nel pomeriggio di venerdì si è svolta la direttissima, in tribunale a Cremona. Convalidato l’arresto, disposta la custodia cautelare in carcere e atti trasmessi a Brescia, dove si terrà il processo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti