Commenta

Cremonese sconfitta a Vercelli con autogol di Caracciolo

partita-evid

AGGIORNAMENTO – PRO VERCELLI: Russo, Marconi, Scaglia, Rosso (83’ Ardizzone), Cosenza, Ranellucci, Statella (74’ Statella), Scavone, Marchi, Erpen (66’ Pepe), Fabiano. All.: Scazzola.

CREMONESE: Galli, Avogadri (71’ Casoli), Bergamelli, Armellino (77’ Loviso), Caracciolo, Abbate, Campo, Bruccini, Della Rocca, Martina Rini (46’ Caridi), Brighenti. All.: Torrente.

ARBITRO: Mangialardi di Pistoia (assistenti: Monetta e Opromolla).

RETE: 2’ (aut.) Caracciolo.

NOTE – Espulso all’86’ Bruccini per doppia ammonizione. Ammoniti: Bergamelli, Campo,  Cosenza, Rosso, Scavone, Caridi, Abbate. Angoli: 3-3. Recupero: 1’ pt – 3’ st.

Dopo nove risultati utili consecutivi la Cremonese cade a Vercelli restando al quarto posto in classifica causa le sconfitte delle concorrenti, ma vedendo allontanarsi oltre all’Entella, ormai irraggiungibile a +12, proprio la Pro Vercelli che consolida il suo secondo posto a +5 sui grigiorossi. La truppa di Torrente è parsa scoraggiata e senza idee, subito in svantaggio per la sfortunata autorete di Caracciolo dopo 100 secondi dal fischio d’inizio e mai incapace di creare pericoli alla porta piemontese. L’unico sussulto al 93’ quando dopo un’uscita incerta di Russo, Campo con la porta sguarnita ha sparato col mancino a bordo campo, confermando la sua giornata no.

Sotto accusa anche le scelte di Torrente che cambia modulo ancora una volta tornando al 4-3-3 con Brighenti schierato esterno d’attacco sulla sinistra, in una posizione dove il bomber grigiorosso non riesce mai ad incidere. Nella ripresa il tecnico sceglie Caridi al posto di Martini Rini passando al 4-2-4, ma l’inerzia del match non cambia e per l’estremo difensore locale i pericoli sono nulli.

Al 2’ l’episodio che decide il match: Fabiano scende sulla sinistra e crossa a centro area dove Marchi viene anticipato da Caracciolo con un’incornata potente che invece di terminare in calcio d’angolo centra però la porta senza lasciare scampo a Galli. La timida reazione grigiorossa arriva alla mezz’ora con un rasoterra di Della Rocca di poco a lato. Da segnalare al 26’ una rissa da saloon dopo un intervento deciso di Bruccini su Erpen.

Nella ripresa Torrente modifica lo scacchiere, ma è sempre la Pro Vercelli a gestire in maniera ordinata la gara e sfiorando il raddoppio a più riprese nel finale di gara, quando uno splendido Galli nega il gol prima a Di Sabato quindi a Marchi. Al 93’, con la Cremo in dieci per l’espulsione di Bruccini, l’occasione del pareggio sciupata da Campo.

Matteo Zanibelli

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti