Commenta

Cremo supera Pavia 1-0 ma la partitanon entusiasma

creompavialilla-evid

foto Francesco Sessa

CREMONESE (3-5-2): Galli, Caracciolo (57’ Giorgi), Bergamelli, Loviso, Abbate, Visconti (68’ Casoli), Avogadri, Armellino, Della Rocca, Bruccini, Brighenti (55’ Francoise). All.: Dionigi.

PAVIA (4-3-3): Guerci, Allegra, Zanini, Arrigoni, D’Orsi, Sorbo, Spinelli, Carraro, Ferri, Manzoni (55’ Dia Pape), De Vita (78’ Mancosu). All.: Bensi.

ARBITRO: Colarossi di Roma 2 (assistenti: Vitiello e Cipressa).

RETE: 92’ Giorgi.

NOTE – Angoli: 5-0. Ammoniti: Armellino, Bruccini, Casoli. Recupero: 0’ pt – 3’ st.

Con un guizzo di Giorgi in pieno recupero la Cremonese trova una vittoria preziosissima che la proietta nuovamente al terzo posto in classifica, complice il ko a Savona del Vicenza. I grigiorossi hanno però deluso molto sotto il profilo del gioco, costruendo poche occasioni contro un modesto Pavia.

In curva i tifosi srotolano il bandierone per festeggiare i 111 anni della Cremonese, per l’occasione con la celebrativa maglia biancolilla, ma in campo le emozioni non sembrano proprio all’altezza della storia grigiorossa. Dionigi schiera la stessa formazione di domenica scorsa, con l’eccezione di Brighenti al posto di Francoise, e come evidenziato con il San Marino i due esterni Avogadri e Visconti sono più attenti alla fase difensiva rispetto a quella offensiva. La Cremo resta quindi arroccata nella propria metacampo preoccupandosi di non lasciare spazi al Pavia, penultimo in classifica. Difficile pensare alla serie B in queste condizioni. Da segnalare solo una punizione di Visconti che scheggia il palo e un tiro alto di Della Rocca.

La ripresa si apre con l’occasione più nitida: Loviso lancia Della Rocca che resiste al ritorno di un avversario e arriva sino al limite dell’area piccola dove calcia a colpo sicuro trovando però la deviazione decisiva di Guerci. Dionigi a questo punto inserisce Francoise al posto del capocannoniere Brighenti, mentre dopo pochi minuti è costretto a sostituire l’infortunato Caracciolo con Giorgi. Al 65’ la grandine si abbatte per pochi minuti sullo Zini, poco dopo è Galli a spaventare i tifosi grigiorossi con una respinta incerta sulla punizione di Arrigoni. Quando la gara sembra volgere al termine Francoise guadagna un prezioso calcio d’angolo sul quale Giorgi trova la deviazione vincente facendo esplodere di gioia lo Zini. Bene il risultato dunque, ma il lavoro da fare per Dionigi è ancora lungo.

Matteo Zanibelli

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti