3 Commenti

La sinistra pro Galimberti ufficializza il simbolo della sua lista

SINISTRa.evid

Svelato il mistero su quale sarà il simbolo che contrassegnerà la lista dei partiti di sinistra a sostegno di Gianluca Galimberti nelle  amministrative del 25 maggio. “Sinistra per Cremona” in giallo, seguito da “Energia civile” in bianco su uno sfondo tondo rosso: un simbolo che riunisce le identità culturali di Rifondazione Comunista, Pdci e Sel, i partiti che, attingendo largamente dalla società civile, presenteranno una lista comune. Dopo l’esame di diverse bozze, la scelta è dunque fatta. “Sinistra per Cremona Energia Civile – dichiarano le due portavoci Celestina Villa e Rosita Viola – è il nome e il simbolo scelto per la lista di sinistra che unisce donne e uomini di generi e generazioni diverse. La sinistra per Cremona, per un impegno concreto di fronte ad una crisi economica, sociale, e culturale, senza precedenti che, anche a Cremona, segna un vero spartiacque. Energia civile per il bene comune, per inventare nuove forme dello stare insieme, per una città che sappia offrire prospettive a chi ha perso la speranza in un futuro migliore. Ci riconosciamo nei principi e nei valori della nostra Costituzione repubblicana, democratica ed antifascista, fondata sul lavoro.

Ci riconosciamo in una cultura politica fondata sui diritti umani, capace di promuoverli e praticarli come criterio cui riferirsi in un periodo di rapide trasformazioni sociali, per un’amministrazione della città che sia attenta ai modelli di sviluppo e di consumo, consapevole di agire in un mondo interdipendente, e che non può prescindere dal dovere di solidarietà. Ci riconosciamo in una cultura politica della legalità, delle regole e dell’etica delle responsabilità. Ci riconosciamo nella sinistra della laicità, delle libertà, dei diritti civili, dell’uguaglianza e delle differenze.

Il percorso vede il sostegno di PRC, PdCI, SEL e del Comitato Energia Civile in Comune, con l’obiettivo di costruire una lista di sinistra aperta e inclusiva, luogo di partecipazione e di responsabilità condivise.

A volte ci sembra di essere in pochi, troppo pochi, come in occasione di manifestazioni di piazza, marce, iniziative di impegno per il territorio, ecc. In realtà forse siamo molti, ma troppo divisi, spesso delusi e scoraggiati: energia civile dissipata. E’ da qui che parte l’esperienza di “Sinistra per Cremona Energia Civile”, che ci auguriamo chiami uomini e donne, giovani e anziani all’impegno per la nostra città, per far crescere una nuova esperienza che coinvolga le persone che si riconoscono in un sentire “comune” a sinistra”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • alfeo

    saranno candidati anche i rom che creano enormi problemi di ordine pubblico? O i Kavernicoli che imbrattano i muri? O tutto il resto del mondo rifondaiolo?

    • pinco pallino

      E lei cosa vuole rifondare……???

  • pinco pallino

    La carta stampata parla alla pancia ma chi ha “ idee” le rivolga
    alla ricostruzione civile e sociale della società cremonese da tempo
    abbandonata a se stessa ed all’inciucio .

    La città inoltre è preda del colore blu sui posteggi: manca solo il torrazzo.

    E’ anche questo un sintomo del degrado.

    Chi ha avuto in mano la cultura non ha avuto la preparazione e la “cultura” per
    svolgere detto delicato compito.

    Se a Cremona è un onere qualcuno si deve chiedere perché a Mantova è un affare.

    Ergo : chi di dovere parli anche al cervello.!!

    Non è più questione di simboli ma di persone che possono fare la differenza