Commenta

Cremo, non ti fermare Allo Zini arriva il SudTirol

dionigi

Sopra, mister Dionigi (foto Sessa)

Una settimana dopo l’altalena di emozioni con l’Albinoleffe, culminata con la gioia assoluta per la vittoria ai rigori, la Cremonese si prepara al secondo grande appuntamento di questi playoff contro il SudTirol. La gara valevole per la semifinale d’andata avrà inizio alle ore 16 allo stadio Zini e potrete seguirla in diretta Twitter grazie a Cremona Oggi.

Contro gli altoatesini si giocherà sui 180 minuti e in caso di parità al termine del match di domenica prossima a Bolzano, si procederà con supplementari e calci di rigore (da quest’anno infatti non vale più la regola della miglior posizione in classifica).

L’entusiasmo intorno alla squadra si è riacceso improvvisamente e per la prima volta in stagione i grigiorossi si presentano allo Zini con il morale alle stelle e una grande convinzione addosso, tanto che nemmeno i diversi acciacchi sembrano spaventare troppo mister Dionigi. In settimana infatti ci sono stati Abbate e Bruccini a riposo per influenza, mentre Loviso soffre di un problema al ginocchio. I primi due sembrano però recuperati, con Dionigi intenzionato a riproporre lo stesso undici sceso in campo inizialmente domenica scorsa.

Anche il SudTirol ha trovato accesso alle semifinali superando ai calci di rigore nei quarti il Como. Sono una squadra tatticamente ordinata, veloce e che gioca insieme da diversi anni. Nei precedenti in campionato ha pareggiato allo Zini e vinto al Druso per 3-1, trascinata da uno straripante Campo, che domenica sarà in panchina con la maglia grigiorossa. Sono la squadra con il miglior attacco e nel girone di ritorno hanno fatto più punti di tutti. Per la Cremo, certamente, non sarà una passeggiata.

Probabile formazione CREMONESE (5-3-2): Bremec; Avogadri, Caracciolo, Abbate, Bergamelli, Visconti; Bruccini, Armellino, Palermo; Brighenti, Della Rocca. All.: Dionigi.

NOTE – L’altra semifinale in programma è Savona-Pro Vercelli, fischio d’inizio alle ore 16 al Bacigalupo.

Matteo Zanibelli

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti