Commenta

Agenzia di bacino per il Tpl di Cr e Mn, brusca accelerata per evitare commissariamento

trasporto-pubblico-km

Approvata nei giorni scorsi, dal presidente della Provincia Massimiliano Salini, la proposta di Statuto dell’Agenzia per il trasporto pubblico locale del bacino di Cremona e Mantova, già approvata un paio di giorni fa anche a Mantova. Nelle ultime settimane si è assistito a una brusca accelerata nelle tempistiche delle approvazioni, per scansare il rischio del commissariamento da parte della Regione, dopo gli infiniti ritardi accumulatisi nei mesi scorsi. E’ stata Mantova ad ottenere la sede legale dell’Agenzia, mentre sia a Cremona che a Mantova vi saranno delle sedi operative.

La nuova agenzia è partecipata dagli enti con le seguenti quote:  Regione Lombardia 13%, Provincia di Cremona 30,5%, Provincia di Mantova 28%, Comune di Cremona 13%, Comune di Mantova 15,5%. La quota assegnata alla Provincia di Cremona include la quota del Comune non capoluogo di Crema, pari a 2,5%. Qualora, trascorso un anno dalla costituzione dell’Agenzia, il Comune di Crema non presenti la comunicazione di adesione secondo la disposizione dell’art. 23, la quota sarà ripartita in egual misura tra le Province di Cremona e Mantova.

L’Agenzia si occuperà di definire e programmare i servizi di trasporto pubblico locale attraverso la redazione e l’approvazione del programma di bacino del trasporto pubblico locale, con un unico sistema tariffario di bacino. Dovrà altresì gestire: le   risorse   finanziarie, l’affidamento dei servizi, la sottoscrizione dei contratti, il monitoraggio della qualità dei servizi, la vigilanza.

L’assemblea dell’Agenzia sarà composta da un rappresentante per ciascuno degli enti aderenti (sindaco o assessore delegato) che svolgono questa funzione a titolo onorifico e gratuito. Ogni rappresentante degli enti in sede di deliberazione esprimerà un voto pari alla rispettiva quota di partecipazione.
Il   consiglio di amministrazione sarà invece composto dal presidente (che resterà in carico tre anni) e da 4 consiglieri eletti dall’assemblea- che svolgono questa funzione a titolo onorifico e gratuito e che si riunisce una volta ogni tre mesi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti