Commenta

Via Persico, l'autovelox non sarà spostato Multe rateizzate

autovelox

Sopra, l’incontro in Comune (foto Sessa)

AGGIORNAMENTO – Dopo un incontro di circa un’ora tra i rappresentanti del comitato “Sposta l’autovelox”, il sindaco Galimberti, l’assessore alla polizia locale Barbara Manfredini e i vertici della polizia locale, è arrivata la decisione: l’autovelox di via Persico non sarà spostato e non ci saranno modifiche alla velocità massima, che resterà di 50 chilometri orari. Viene confermata l’installazione del segnalatore elettronico di velocità e, novità, ci saranno pattuglie prima e dopo l’autovelox come deterrente per chi, superata la telecamera, deciderà di accelerare nuovamente. L’altra novità è la rateizzazione del pagamento delle multe per le famiglie che hanno a carico troppe contravvenzioni. Ora il comitato si è affidato all’avvocato Nicoli per controllare se quel tratto di strada è considerato (formalmente e agli atti) strada urbana o extraurbana: se fosse extraurbana potrebbe sorgere il dubbio di legittimità dell’autovelox.

Intanto la prima interrogazione del consigliere comunale Paolo Carletti riguarderà proprio l’autovelox: Carletti chiederà delucidazioni sulla eventuale maggior pericolosità della via Persico rispetto ad altre vie e sulla eventuale necessità di mantenere il limite dei 50 chilometri orari sul tratto di strada interessato dall’autovelox.

Una nota sulla questione è stata diramata da Palazzo comunale in serata. Eccola.

Sulle multe ricevute, il Comune ha dato la massima disponibilità alla rateizzazione delle sanzioni e alla predisposizione di uno sportello dedicato al Comando della Polizia Locale di piazza della Libertà. Sulle misure future, pattuglie della Polizia Locale saranno presenti, in giorni e orari diversi, in località Maristella e Case Nuove, a scopo preventivo, e con l’obiettivo di rilevare la velocità media nei centri abitati che precedono e seguono il luogo dopo è collocato l’autovelox.

Durante l’incontro è stato messo in evidenza che l’Amministrazione si è già mossa facendo posizionare un lampeggiante, chiamato lanterna, che rende l’autovelox maggiormente visibile, soprattutto nelle ore notturne, e ai tecnici hanno già avuto il mandato di collocare segnalatori di velocità: in questo modo, chi percorre quel tratto di strada, potrà rendersi conto se sta rispettando o meno il limite dei 50 km/h. Una misura che ha una doppia finalità, educativa da un lato e a maggiore tutela della sicurezza dall’altra.

Prima di ricevere i rappresentanti dei due comitati, il sindaco Gianluca Galimberti, l’assessore Barbara Manfredini, il comandante ed il vice comandante hanno incontrato i sindaci di Persico Dosimo, Fabrizio Superti, e di Grontardo, Piera Maria Mairino, per condividere anche con i Comuni limitrofi interessati dal tratto di strada la linea del Comune di Cremona. Un aspetto questo che sta particolarmente a cuore all’Amministrazione che tiene molto al coinvolgimento dei primi cittadini dei Comuni confinanti a quello di Cremona.

“C’è stata una carenza comunicativa rispetto ai cittadini e rispetto ai Comuni limitrofi – ha detto il sindaco Gianluca Galimberti – La priorità per noi resta la sicurezza stradale. L’autovelox è stato messo a seguito di uno studio trasmesso alla Prefettura che individuava la via Persico come una strada ad alta velocità, dove in passato sono avvenuti incidenti, anche mortali. Ciò che possiamo fare adesso è recuperare queste due cose: la segnalazione dello strumento e la condivisione con i Comuni vicini, tenendo fermo il criterio della sicurezza e dell’educazione stradale”.

Questi i numeri sulle multe: dal momento dell’istallazione dell’autovelox si è passati da 300 multe a 76 multe quotidiane a fronte di circa 5mila passaggi. “Posto che le multe non possono essere cancellate per legge – ha dichiarato il sindaco – E’ forte la volontà di dare la nostra massima disponibilità alla rateizzazione delle sanzioni”.

Approfondimenti di carattere prettamente tecnico saranno argomento di un prossimo incontro con il comitato ‘Sposta l’autovelox’ ed il comitato del quartiere Maristella.

f.band.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti