Un commento

Bilancio Aem, Galimberti: necessario supplemento di analisi su investimenti

giunta-galimb-evid

La Giunta Galimberti vuole vederci chiaro nei piani di Aem. Un indirizzo che appare chiaramente dalla dichiarazione rilasciata dal sindaco Gianluca Galimberti in coda al Consiglio comunale di lunedì pomeriggio. Tema centrale è l’approvazione del bilancio delle partecipate da parte del Comune, e in particolare proprio di quello di Aem: “La Giunta approverà il bilancio di gestione del 2013 – ha dichiarato il sindaco – ma siamo anche intenzionati a svolgere una funzione di controllo ulteriore rispetto a quello che la legge già ci obbliga ad esercitare, chiedendo al presidente Albertoni una valutazione approfondita dell’andamento gestionale attuale e prospettico, delle proprie controllate e partecipate. Il perseguimento di detto obiettivo, per quanto già in atto, necessita comunque di tempi tecnici e non può quindi dirsi immediato”.  Di fatto, quello che il sindaco chiede alle partecipate e in particolare ad Aem, è di fare una valutazione in prospettiva del profilo economico-finanziario societario, al fine di confermare la sostenibilità, innanzitutto finanziaria, degli investimenti e delle attività intraprese.

Un discorso ancora più urgente per Aem, anche alla luce degli investimenti approntati dalla società per la riqualificazione della prima linea dell’inceneritore, a lungo discussa in diverse sedi politiche. “Il bilancio Aem posto in approvazione dell’Assemblea esprime, come peraltro ovvio, una “fotografia” soltanto statica, per quanto dettagliata, del profilo della società – evidenzia Galimberti – . Scontato che detto profilo risulti necessario per una comprensione storica dell’andamento, apparrebbe nel caso di specie quanto mai opportuno la produzione di un piano idoneo a verificare gli scenari di possibile evoluzione del quadro societario. Il periodo d’analisi non dovrà risultare inferiore a 3/5 anni e l’indagine essere condotta con particolare attenzione al tema della sostenibilità finanziaria: ciò è sempre doveroso, ma appare dal bilancio Aem oltremodo opportuno posto che dallo stesso può, ad esempio, evincersi come nel presente e nei prossimi esercizi l’assolvimento delle scadenze contrattuali di finanziamento strutturato risulti sottendere fabbisogni significativi”.

La valutazione finanziaria della società dovrà quindi essere immediatamente presa in considerazione dal Consiglio di Amministrazione che verrà nominato prossimamente, “il quale avrà quale principale mandato di esprimere, con la massima urgenza, un piano di intervento pluriennale che dovrà prendere in debita considerazione le previsioni d’eventuale dismissione d’asset societari – considerandone l’effettiva alienabilità – nonché essere occasione per una eventuale ottimizzazione della cosiddetta struttura finanziaria”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti
  • pinco pallino

    MOLTO BENE……………………ma anche con uno sguardo alla passata gestione……….la città ha bisogno di chiarezza…….passata…..presente e futura……………….!!!