Commenta

Tari, scadenza prima rata posticipata all'8 agosto

tari-evid

Il Comune di Cremona, dopo aver presentato la manovra per mitigare l’impatto della Tari 2014 sui ’non domestici’, ha deciso per questo tipo di contribuenti di dare la possibilità di effettuare il versamento della prima rata del 16 luglio, non più entro il 31 luglio, ma entro l’8 agosto senza l’applicazione di sanzioni e interessi. Questo per dare più tempo ai contribuenti ‘non domestici’ che hanno avuto un rincaro del tributo di oltre il 20% rispetto alla Tarsu 2013 di ricalcolate l’importo della prima rata Tari 2014. Con la manovra del Comune di Cremona, infatti, i contribuenti ‘non domestici’ che hanno avuto un aumento della Tari 2014 superiore al 20% rispetto alla Tarsu 2013, possono versare parte della Tari 2014 (ovvero Tarsu 2013 maggiorato del 20%) entro le scadenze 8 agosto, 16 settembre, 16 novembre e rateizzare l’importo Tari residuo in rate mensili che variano in base alla percentuale di aumento del tributo con prima rata del piano da versare entro il 31 gennaio.

Gli ex esenti, anziché utilizzare i tre bollettini ricevuti, possono dividere l’importo Tari 2014 in 12 rate. La prima rata (di luglio) da versare entro l’8 agosto, la seconda entro il 31 agosto e le restanti rate entro il termine di ogni mese fino al 30 giugno 2015.

Il Comune di Cremona ha predisposto dei volantini informativi per spiegare la manovra (rateizzazione, fondo di sostegno e ridefinizione criteri Tari 2015) e per guidare i contribuenti ‘non domestici’ interessati al calcolo corretto delle rate e alla presentazione della domanda di rateizzazione. Una prima informativa è stata inviata tramite mail alle associazioni di categoria, alle quali nei prossimi giorni saranno messi a disposizione i volantini cartacei, consultabili anche a Spazio Comune in piazza Stradivari e all’Ufficio Servizi ai Contibuenti di via Felice Geromini.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti