Un commento

Ostello di via del Sale, ok a piano di ampliamento: caccia ai finanziamenti

evid-ost

Il Comune cerca di rilanciare l’area del Parco al Po, anche in ottica Expo 2015: approvato dalla Giunta il progetto preliminare per l’ampliamento della struttura ricettiva di via del Sale, meglio conosciuta come la zona dell’Ostello abbandonato, chiusa, praticamente mai utilizzata (ad esclusione di qualche festa) per anni. Ora è al via la caccia ai finanziamenti (il costo totale previsto è di quasi un milione 400mila euro).

Si legge in una nota ufficiale di Palazzo comunale: “Nell’ottica del rilancio del bacino del fiume Po, anche in vista di Expo 2015, la Giunta comunale, nella seduta odierna, ha approvato il progetto preliminare per l’ampliamento della struttura ricettiva all’interno del Parco del Po, lungo la via del Sale, area di quasi 10mila metri quadrati la cui costruzione è iniziata nel 2006 ed è rimasta incompiuta. Attualmente l’area, infatti, risulta recintata e attrezzata con una struttura adibita a servizi igienici e spogliatoi, 10 piazzole per la sosta camper con colonnine per acqua ed energia elettrica, un lavatoio esterno e piazzola attrezzata per lo scarico dei camper”.

“Il progetto preliminare – viene spiegato – si propone all’interno dal programma attuativo previsto dalla delibera regionale ‘I distretti dell’attrattività: iniziative per l’attrattività territoriale integrata turistica e commerciale della Lombardia’ con il quale la Regione Lombardia ha deciso di investire sullo sviluppo di politiche integrate di valorizzazione delle eccellenze territoriali e dell’attrattività territoriale turistica e commerciale della Lombardia, anche in vista di Expo 2015 e nell’ottica di stabilizzarne le positive ricadute anche nel periodo successivo all’esposizione universale”.

Ecco cosa comprende il progetto preliminare: “L’ampliamento previsto riguarda una superficie complessiva di 23.743 metri quadrati e prevede la realizzazione di nuove piazzole attrezzate per camper e tende, una struttura in legno adibita a reception-bar self service, bungalows prefabbricati in legno, la messa a dimora di essenze arboree, servizi a supporto del complesso ricettivo. Il costo preliminare del progetto di ampliamento è pari a complessivi 1.370.000,00 euro. Il Comune cercherà tutti i finanziamenti possibili, a partire proprio dal programma attuativo previsto dalla delibera regionale ‘I distretti dell’attrattività: iniziative per l’attrattività territoriale integrata turistica e commerciale della Lombardia’”.

“Il progetto preliminare – aggiungono da Palazzo comunale – è stato redatto anche per l’eventuale inserimento nel prossimo Programma delle Opere Pubbliche. La Commissione Paesaggio del Comune di Cremona, nella seduta del 17 luglio 2014 ha espresso parere favorevole, con la prescrizione di armonizzare il colore della copertura con l’ambiente circostante. Già condiviso con il Distretto Urbano del Commercio, il progetto preliminare approvato oggi coglie sia l’opportunità fornita da Expo 2015, sia il valore della progettualità che l’Amministrazione ha già cominciato a mettere in atto sull’area per rilanciare il bacino del Po dal punto di vista naturalistico, turistico, di recupero ambientale e paesaggistico, in sinergia con altri Comuni del territorio, anche in una visione sovraregionale”.

Michele Ferro
redazione@cremonaoggi.it

IL PROGETTO PRELIMINARE APPROVATO DALLA GIUNTA COMUNALE


© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Pippo

    Ma valorizzare il campeggio esistente no???