2 Commenti

Corso Garibaldi, le linee curve sull'asfalto prese a prestito dalla capitale danese

corso-evi

Ricorda niente la fotografia di sinistra? E’ una delle tre piazze di Copenhagen che compongono il parco urbano Superkilen nel quartiere Nørrebro e composto da Piazza Rossa, Mercato Nero, con alberi e panchine e Parco Verde, per il passeggio e i picnic. L’analogia del progetto danese con quello allestito in corso Garibaldi è già stata notata (leggi l’articolo) ma adesso dalle riviste di architettura spuntano altre immagini che mostrano ulteriori affinità con il progetto cremonese inaugurato venerdì lungo corso Garibaldi.

Le linee curve che a Cremona hanno suscitato  più di una battuta ironica, sono una realtà consolidata da un paio d’anni a Copenhagen, nella più classica versione in bianco e nero (il rosso è riservato alla zona attigua, appunto la Piazza Rossa, con zone per lo sport, i giochi e la musica). Nel progetto danese le linee sono state tracciate attorno agli alberi. Le foto sono state pubblicate nel volume “I maestri dell’architettura” dedicato allo studio danese BIG e pubblicato all’inizio del 2014 dall’editrice Hachette fascicoli.

Peculiarità del parco urbano danese sono gli oggetti che lo popolano. I progettisti hanno infatti chiesto direttamente alla popolazione locale, suddivisa in più di 50 etnie differenti, di suggerire oggetti, stili ed elementi artistici utili all’arredo urbano che avrebbero voluto vedere in modo tale che ciascuna etnia fosse rappresentata. L’operazione ha avuto molto successo: la popolazione locale ha partecipato con entusiasmo ed interesse e sono stati installati elementi provenienti direttamente dal Giappone, dall’Argentina, dalla Finlandia, dal Brasile, dalla Giamaica (solo per citarne alcuni) per quella che è senza dubbio la piazza più internazionale del mondo.

Difficile che a Cremona il progetto sperimentale possa avere tanto successo, anche se alcune città come Piacenza si sono mostrate interessate. Sulla base del gradimento che il nuovo allestimento riscuoterà da qui a fine settembre, il Comune intende lanciare concorsi di idee per la progettazione di altre aree urbane degradate o semplicemente abbandonate a se stesse.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • pinco pallino

    CARI AMICI CREMONESI
    Sempre meglio della cascina urbana
    UN PO’
    DI COLORE NON GUASTA.
    SERVE ANCHE NEGLI OSPEDALI.

    SE DI SERA PERCORRETE IL CORSO.AVRETE NOTATO CHE DOPO IL COLORE SI PASSA NEL
    GRIGIO E QUASI NEL BUIO IN PRESENZA ANCHE DELLE AUTO CHE TOLGONO LA VISTA AI MONUMENTI E DIFFONDONO ODORE E STRIDOR DI FRENI.

    NEL COLORE C’E’ VITA E SI VEDE.

    PROLUNGARE QUINDI LA STRADA DEL COLORE…………..!!!!!!!

    QUALCHE NEGOZIO DOVREBBE CAPIRE DA SOLO L’IMPORTANZA DELLA COMUNICAZIONE VISIVA ; PERCHE’ NON CI PROVANO ANCHE LORO……??

    HO VISTO BAMBINI PICCOLI E BAMBINI GRANDI GIOCARE………………….SEMPRE
    MEGLIO DEI MUSI LUNGHI CHE DI SOLITO SI VEDONO CIRCOLARE…………………….E SEMPRE PRONTI A CRITICARE TUTTO…MENO LA LORO MAMMA………. CHE E’ SEMPRE
    INCINTA………………………!!!!

    • Guest

      Come la tua vero?