Commenta

Inaugurato a marzo e già fuori uso il forno crematorio al cimitero

fornocrematorio

A destra, la crepa all’interno del forno crematorio che ne ha determinato la temporanea chiusura

Sabato 13 settembre si è verificato un grave guasto al forno del nuovo Polo per la cremazione, impianto inaugurato a fine marzo dall’amministrazione Perri e costato complessivamente circa 2milioni di euro. Si tratta di una frattura del refrattario che obbliga a sospenderne l’utilizzo per i necessari lavori di manutenzione straordinaria. Nei giorni scorsi, valutata l’entità del danno, l’Amministrazione comunale, sulla scorta dell’approfondita valutazione legata alla sicurezza fatta dai tecnici comunali, effettuate le opportune comunicazioni agli enti di controllo, ha deciso di rimettere in funzione il vecchio forno crematorio per continuare a garantire il servizio di cremazione in questa fase di emergenza. Alessia Manfredini, assessore con delega ai Servizi cimiteriali, e Maurizio Manzi, assessore alle Risorse, affiancati dai tecnici del Comune, hanno già incontrato la ditta che ha realizzato il forno per gli opportuni approfondimenti. Sono già assunti inoltre i necessari provvedimenti per assicurare la continuità del servizio e per arrivare, nel più breve tempo possibile, alla soluzione del problema.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti