Un commento

Da Monteverdi a Verdi Sinergia lungo il Po nel nome della musica

verdimonteveri-evid

foto Sessa

Nuova sinergia tra i territori di Cremona, Piacenza, Busseto e Castelvetro, in una sorta di area vasta della cultura che si propone di far decollare finalmente il valore turistico della Bassa. Il progetto “Da Monteverdi a Verdi” è stato presentato giovedì pomeriggio in sala della Consulta dal sindaco di Cremona Gianluca Galimberti, dai colleghi di Busseto Maria Giovanna Gambazza, di Castelvetro Piacentino Luca Quintavalla e, in rappresentanza del Sindaco di Piacenza Paolo Dosi, l’assessore all’Ambiente e alla Valorizzazione del Grande Fiume Luigi Rabuffi.
“Credo tantissimo a quello che stiamo facendo – ha detto il sindaco del Comune di Cremona Gianluca Galimberti – Questo è il primo passo di una sfida più ampia che ci vede protagonisti nella costruzione e promozione del bacino del Po. E’ una proposta turistica fatta non solo di eventi, ma anche di fruibilità, nella quotidianità, delle nostre terre. Per questo, il turismo slow è una delle chiavi fondamentali. Rappresentiamo città che si sono messe insieme per rilanciare il Po come luogo di turismo, di navigazione, di cultura. Stiamo in questo modo costruendo proposte turistiche e culturali che legano territori che hanno tradizioni e radici comuni, proposte da mettere sul mercato e da presentare in tutto il mondo”.
A Barbara Manfredini, assessore alla Rigenerazione Urbana con delega al Turismo del Comune di Cremona il compito di illustrare le linee guida che accomunano questi quattro territori. “Il filo conduttore – ha detto l’assessore Manfredini – è rappresentato da due grandi personaggi: Claudio Monteverdi e Giuseppe Verdi, l’uno il padre del melodramma, e l’altro il più famoso e celebre compositore operistico italiano. Il punto di riferimento sono i compleanni di questi due autori, il 15 maggio per Monteverdi, il 10 ottobre per Verdi, e i due Festival a loro dedicati che iniziano e concludono, non a caso, il periodo di EXPO 2015,  ma la cui valorizzazione proseguirà anche dopo Expo. Da qui il nome del progetto, “Da Monteverdi a Verdi” e quindi “Da Ricercantando al Bel Canto”. L’obiettivo, come ha spiegato l’assessore, è valorizzare e sostenere, dal punto di vista culturale e turistico, i territori coinvolti, creando sinergie tra diversi segmenti turistici: il turismo culturale e musicale, il turismo slow legato alla navigazione fluviale ed ai percorsi cicloturistici, il turismo enogastronomico.

Il pacchetto di iniziative, che verrà presentato ai tour operator all’inizio del mese di dicembre, si rivolge ad un pubblico vasto per fare conoscere aspetti meno noti, ma comunque di grande interesse, di questi due grandi maestri. Da un lato dunque Claudio Monteverdi con le sue meno conosciute e proposte, ma comunque affascinanti, canzonette morali e poi il Recitarcantando. Per quanto riguarda Giuseppe Verdi, la sua attività di agricoltore (su questo è peraltro in pubblicazione una tesi) ed il Verdi gastronomo. A queste iniziative si aggiungeranno gli itinerari storico e culturali: i luoghi dove sono nati e vissuti i due Maestri, i luoghi legati ai loro i compleanni (interessante, a tale proposito sarà l’atto di nascita di Monteverdi custodito nella chiesa di S. Abbondio), i luoghi dell’ascolto. In questo caso non solo i teatri, ma anche i luoghi aperti, piazze, cortili, corti e giardini. Infine l’ultimo ma non meno importante terzo filone: il turismo musicale. Il fiume Po tra le due sponde, caratterizzato da percorsi musicali tra Cremona, Piacenza e Parma, con proposte suggestive ed innovative. Infine il turismo slow sul grande fiume con percorsi ciclabili e in battello. Insomma “una scommessa sul grande fiume”.
“E’ la prima volta che si collabora attivamente diventando subito operativi perché in ambito turistico è importante partire in anticipo”, ha dichiarato il sindaco di Busseto Maria Giovanna Gambazza, definendo questa intesa un segno positivo e di grande speranza in un momento così difficile per il nostro Paese, in quanto territori diversi si mettono insieme per recuperare le loro radici in una visione allargata, partendo dalla cultura. Un accordo che supera ogni tipo di confine e che può servire da esempio per altre realtà.
Luca Quintavalla, sindaco di Castelvetro Piacentino, ha sottolineato la partecipazione del suo Comune a questa rete in quanto luogo di passaggio sulla strada che collega Busseto e Piacenza a Cremona. Un luogo che  Giuseppe Verdi frequentava nella sua vita quotidiana e che si propone dunque per un turismo basato sull’esperienza, dove il Po va visto come risorsa turistica ed ambientale, magari riuscendo a realizzare un percorso ciclabile che colleghi Cremona, Castelvetro e Busseto.
Infine l’assessore piacentino Luigi Rabuffi ha detto che è giunta finalmente l’ora di uscire dal provincialismo, che non porta da alcuna parte, e di puntare sulle sinergie anche a livello locale perché tante sono le cose che accomunano Piacenza e Cremona, nonostante la storica “rivalità”. Importante è dunque la valorizzazione di questi territori dove sono nati e vissuti Monteverdi e Verdi, due figure conosciutissime all’estero, ed è proprio ai turisti stranieri che occorre fare conoscere anche tutto il patrimonio artistico, storico, culturale, gastronomico delle terre natali dei due Maestri. Per Rabuffi bisogna ragionare in termini di area vasta, superando confini e barriere, mettersi in gioco attraverso una sfida da vincere rivolgendosi, con una comunicazione ben studiata, ad un “turismo appassionato”.
I quattro Comuni sono dunque già operativi e si impegnano a sostenere  reciprocamente le le proposte che andranno a costruire insieme, grazie anche ad una forte interazione tra pubblico e privato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Sorcio Verde

    Bella iniziativa a PAROLE COME SEMPRE poi però bisogna verificare come agevolare i collegamenti tra le due sponde e qui iniziano i guai, Il collegamento ferroviario non esiste più, e tutto è demandato ad un ponte che alla prima piena viene chiuso o ha bisogno interventi.