Un commento

Dà in escandescenze al pronto soccorso Si scopre che era evaso

E’ stato portato al pronto soccorso nel cuore della notte perchè aveva accusato un malore  in un pub cittadino. In ospedale, in preda ai fumi dell’alcol, ha cominciato a dare in escandescenze, prendendosela col personale sanitario, fino a rompere il vetro di una finestra con un pugno. E in più si è scoperto che era appena evaso dagli arresti domiciliari. Nei confronti di Marco Vivi, 38enne cremonese pluripregiudicato, è quindi scattato l’arresto per evasione e danneggiamento. Il 38enne, infatti, non avrebbe dovuto trovarsi nel pub, ma a casa, vista la pena di due anni e 10 mesi di reclusione patteggiata il 31 ottobre scorso per rapina impropria. Quella mattina, in via Santa Maria in Betlem, Vivi aveva rubato una bicicletta e aveva sferrato un pugno al testimone che lo aveva inseguito. Arrestato, era stato processato per direttissima. Aveva patteggiato due anni e 10 mesi che avrebbe dovuto trascorrere ai domiciliari, ma è evaso. Per lui, dunque, è scattato un nuovo arresto. Questa mattina è stato nuovamente processato per direttissima. Ha patteggiato 10 mesi e 20 giorni ed è tornato ai domiciliari. Questa volta era difeso dall’avvocato Stefania Giribaldi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • paolo

    Aggiungo:….e scommetto rimesso ai domiciliari….