Commenta

Più di ottantamila euro per riparare i danni del nubifragio alla scuola Miglioli

scuola miglioli-evid

E’ costato  oltre 80 mila euro di spese non previste (non a carico del Cmune)  l’intervento straordinario alla scuola elementare Miglioli del Cambonino, per riparare i danni causati dall’allagamento dell’11 settembre, a causa di un violento nubifragio, a pochi giorni dall’avvio dell’anno scolastico. Sull’edificio scolastico erano in corso i lavori alla copertura del tetto, appaltati ad una ditta di Monticelli d’Ongina: le copiose infiltrazioni che causarono l’allagamento della scuola furono imputate proprio a questi lavori. In tutta fretta il Comune dovette correre ai ripari, per sistemare un lungo elenco di parti ammalorate: il solaio di copertura, il solaio del sottotetto, i controsoffitti, i solai del primo piano, i pavimenti del piano terra, gli arredi e anche diversi libri. Insomma, un disastro, di cui prese atto il vicesindaco Maura Ruggeri che nel sopralluogo fatto con i tecnici si rese conto della necessità di intervenire subito se si voleva riaprire la scuola. Ora arriva il conto della spesa di quell’intervento, addebitato alla ditta che stava eseguendo i lavori al tetto. In particolare, quasi 7mila euro sono costate le opere di puntellatura dei controsoffitti e recinzioni per evitare l’ingresso nelle zone pericolanti; 12mila euro il controllo dell’impianto elettrico, con sostituzione delle lampade rovinate; 44mila euro la rimozione dei controsoffitti, l’installazione di nuovi e le opere connesse; 2.700 euro la pulizia straordinaria. E l’elenco è solo provvisorio.

Un cantiere sfortunato, quello della Miglioli. Lo scorso luglio un operaio di 43 anni che stava lavorando per l’appunto al tetto, è precipitato dal cestello del carrello elevatore su cui stava operando. La disgrazia fu evitata solo perchè l’uomo cadde sull’erba del parco, in quel momento piuttosto alta.

g.b.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti