Un commento

Una giornata dedicata a Stradivari: in giro per Cremona musica e fiaccolata Al Museo del violino la pietra sepolcrale

s-evid

Una giornata speciale, fatta di musica, storia e luci, è in programma il 18 dicembre, anniversario della morte di Antonio Stradivari. E’ il modo con cui Cremona e il Museo del violino hanno scelto di ricordare il grande Maestro cremonese. L’iniziativa, denominata Stradivari memorial day ha la direzione artistica di Francensca Colombo, e condurrà il pubblico, dal pomeriggio e fino al concerto serale, in un percorso alla scoperta di Stradivari.

Il primo appuntamento è alle 16  alla chiesa di Sant’Agata di corso Garibaldi, dove il 4 luglio 1667 un giovanissimo Antonio Stradivari sposò Francesca Ferraboschi: cinquanta tra i migliori studenti di conservatori e scuole italiane si alterneranno in altrettante brevi pillole musicali, della durata di poco più di un minuto ciascuna. Il momento trae spunto dal primo testamento olografo di Stradivari, in cui il Maestro chiede di ricevere cinquanta messe in sua memoria: “Io Antonio Stradivari questa vollo che sia la mia ultima volontà in tanto che la mente è sana e di corpo e di mente subito che son morto vollo che portato in S[an]to Domi[ni]co e che sia subito dette cinque[n]ta messe sopra il mio corpo e comando che franc[es]co mio filiolo lo domado mio erdi e vollo che stia inseme con Cha[te]rina mia figliola e mia molle e Giuseppe e Paolo mio figliolo sin alla morte in questa casa e fran[ces]co vollo che sia patro della Botega e la camara che dietro e la camara dove dormo talla qua[l] si trova Catterina mia figliola…” (Cremona, 24 gennaio 1729).

Alle ore 18 con cinquanta rintocchi delle campane del Duomo avrà inizio la fiaccolata che, partendo dalla chiesa di Sant’Agata farà sosta nei luoghi significativi della vita di Stradivari: la prima casa nuziale con bottega in corso Garibaldi, la Galleria 25 Aprile, dove sorgevano la casa e la bottega dove visse e lavorò dal 1680, i giardini pubblici dove un tempo era la basilica di San Domenico e la Cappella del Rosario dove trovò sepoltura. Dopo aver toccato piazza Duomo, luogo simbolo della Città, la fiaccolata terminerà alle 19 in piazza Marconi, di fronte al Museo del violino. Le fiaccole formeranno un grande falò che arderà tutta la sera davanti al Museo, in memoria di Stradivari.

Proprio al Museo del violino, alle ore 19.30, sarà collocata, con una cerimonia ufficiale, la pietra sepolcrale di Antonio Stradivari, che, dopo la demolizione della chiesa di San Domenico nel 1869 che determinò la scomparsa della tomba del Maestro, era conservata finora al Museo civico. All’interno del Museo del violino è stata allestita una nuova sezione, accanto ai reperti stradivariani già presenti, per ospitare questo prezioso patrimonio storico: una ricostruzione in vetro della Cappella del Rosario accoglierà la lapide, il testamento olografo, conservato fino ad oggi presso l’Archivio di stato, l’atto di morte e quello di sepoltura, custoditi all’Archivio diocesano.

La giornata speciale si concluderà con un concerto, in programma alle ore 21 all’Auditorium Giovanni Arvedi del Museo del violino: la star internazionale del violino Nicola Benedetti, scozzese di origini italiane di soli ventisette anni, suonerà lo Stradivari “Gariel” del 1717, messo a disposizione da Jonathan Moulds, accompagnata al pianoforte da Alexei Grynyuk. Il programma del concerto propone la Sonata in mi minore k 304 di Wolfgang Amadeus Mozart, le due arie Marietta’s Lied e Tanzlied des Pierrot di Eirch Wolfgang Korgold e la famosa e romantica Sonata in mi minore op.82 di Edward Elgar. In occasione dello Stradivari memorial day il Museo del violino propone una nuova politica di prezzi, per rendere la grande musica e i concerti in Auditorium accessibili a un pubblico sempre più ampio: i biglietti, in vendita da giovedì 27 novembre, costeranno da 15 a 40 euro, con ridotto a 12 euro per gli under 25 (info e vendita: biglietteria Museo del violino – telefono 0372.080.809 – biglietteriamdv@teatroponchielli.it).

Tra le iniziative nell’ambito dello Stradivari memorial day sono in programma due conferenze di approfondimento sulla storia della lapide di Antonio Stradivari: “L’apparato iconografico della Basilica di S. Domenico e le opere conservate alla Pinacoteca”, con Mario Marubbi, giovedì 11 dicembre 2014, alle 16.00, al Museo Civico Ala Ponzone e “Gli ultimi anni e gli ultimi strumenti. Il testamento di Antonio Stradivari. Gli ultimi anni di una lunga vita”, con Fausto Cacciatori, sabato 17 gennaio, ore 16.00, al Museo del violino.

IL PROGRAMMA DELLA GIORNATA IN BREVE
Giovedì 18 dicembre
STRADIVARImemorialday
Ore 16.00 chiesa di Sant’Agata: cinquanta benedizioni in musica
Ore 18.00 dalla chiesa di Sant’Agata: fiaccolata nei luoghi stradivariani
Ore 19.30 Museo del violino: esposizione della pietra sepolcrale
Ore 21.00 Museo del violino: concerto di Nicola Benedetti e Alexei Grynyuk

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • A.Locatelli

    S.Antonio facci la grazia……