Un commento

Renzi, premier accerchiato, cinque i fronti aperti

OPINIONE-NUOVA-RENZI

Sotto l’albero di Natale il premier Renzi trova cinque  fronti aperti. Cinque “montagne” da scalare. Un accerchiamento. Lunedi ha cercato di spezzarlo annunciando la candidatura romana (e non solo) per le Olimpiadi del 2024. Ma i nodi restano. Tra luci ed ombre.
1.   Palazzo Chigi – Durerà? E quanto durerà lo stellone di Matteo,alias Pittibimbo,alias  il Rottam’attore,il premier che ha fissato la scadenza del suo governo nel 2018 e che ogni giorno,da mesi, vede moltiplicarsi ostacoli,gufi,tradimenti interni,rogne,malpancisti,fassinate eccetera? I suoi predecessori non hanno avuto vita lunga. Il governo Monti è durato 13 mesi, Lettanipote nove e 25 giorni.Nessuno di loro ha brillato. Rigor Montis se ne è andato alla Prandelli lasciandoci un milione di licenziati,nessuna riforma degna di questo nome,risibili tagli alla spesa pubblica. Letta è stato a Palazzo Chigi 292 giorni: da molti è ricordato per i suoi molti inchini alla Germania (che col rigore si è arricchita),per i suoi discorsetti sull’uscita dal tunnel, un po’ di tensione con Alfano sulle unioni civili,refoli di esultanza sullo spread “mai così giù dal 2011”. Ed infatti a fondo ci è andato lui. Renzi ha già superato il traguardo di Letta venerdi scorso , i consensi sono stabili (così dicono i sondaggi),il Pd resta il primo partito, lui mantiene le bocce ferme.Fino a quando?
2. Il sindacato – I rapporti con la sciura Camusso sono noti. Lei strilla,vorrebbe comandare mettendo sul piatto i suoi 5.712.642 iscritti (la metà sono pensionati).La sciura ha ferro e carbone, danè e 3mila immobili. Ma Pittibimbo ha fiuto.E come ha scritto Di Vico sul Corrierone il 23 agosto “il sindacato è impopolare” avendo perso “il senso della realtà”.Cgil-Cisl-Uil “si condannano alla irrilevanza”.Ecco perché Renzi tiene duro e se ha finto, giorni fa,  di piegarsi al sindacato di nuovo in piazza , lo ha fatto per una ragione tattica:coprirsi sul fronte sociale per essere libero di affondare i colpi sulla minoranza Pd. Occhio però ai colpi di coda dell’associazionismo.
3. Minoranza Pd – Siccome Renzi non vuole martiri in casa sua,domenica scorsa  ha graziato la minoranza turbolenta. Ha concesso agli avversari di non contarsi rinunciando a far votare un documento su cui avrebbe avuto una maggioranza schiacciante. Fassina (che non è la moglie di Fassino) lo ha attaccato epperò la scissione non si farà. Per ora. Ma la galassia delle minoranze è variegata,tosta,di scorza dura. Rognano ma non tolgono il disturbo. Nella Ditta post-Pci ci stanno bene:case,auto blu,maxi stipendi.Il tesoriere Bonifazi ha certificato che il disavanzo 2013,prima della elezione di Renzi,era di più di 10 milioni.Però,che buco!Nella galassia ci sono i fedelissimi di Bersani, tra cui Fassina ed Epifani; e poi  i cosiddetti  “facilitatori” di Roberto Speranza,i civatiani di Pippo,i cuperliani con D’Alema e la Pollastrini.Infine i “giapponesi”,cioè i contrari alla politica renziana sul lavoro;li guida Rosy Bindi,una che è in politica da 25 anni e non vuole mollare. Tutti hanno in canna il penultimatum,lanciano grida di dolore (“Il Pd sta cambiando identità”) ma non si muovono. Per ora “sparano” solo davanti alle telecamere.
4. Il Colle – Chi sarà il prossimo capo dello Stato?Con Napolitano Renzi sembra avere qualche frizione.Il presidente esterna ormai come Cossiga .Il “muro contro muro” di Pittibimbo non gli piace.
5. Bruxelles – E’ il fronte più duro.Juncker continua a dire che non ha denaro fresco.I 315 miliardi che intende far confluire nella economia europea non ci salveranno dalla crisi.Non da soli,almeno. L’ultimo rapporto del Censis dice che siamo un Paese piegato,disilluso,stanco e ricco.Però fermo,impaurito e privo di qualunque desiderio di rischio.Di più:un Paese di disoccupati ma anche un Paese che ha meno voglia di lavorare degli stranieri che ospita. Abbiamo milioni di giovani che non fanno nulla. Servono riforme,non litigi. E bisogna andare più veloci. Stiamo perdendo molti treni.

Enrico Pirondini

© Riproduzione riservata
Commenti
  • antonio1956

    Fantastico Pirondini ! Un solo appunto: dopo i punti , anche quelli interrogativi, le virgole, lasci uno spazio altrimenti l’articolo è troppo compattato. Suvvia usi il giustificato ! 🙂