Commenta

Expo, 30mila pacchetti per la navigazione: grande opportunità per Cremona, ma che fine ha fatto il nostro turismo fluviale?

fiumepo-evid

Oltre 30mila pacchetti turistici già prenotati per la navigazione da Cremona al Delta del Po: questi i dati dell’incoming all’estero di UnPOxExPO, che in totale ha chiuso accordi/contratti/prenotazioni per 340.000 pacchetti turistici lungo il Po, da Cuneo a Venezia.

Si parla di un vero e proprio business per le città rivierasche, pronte a cogliere almeno parte dei 20 milioni di turisti stranieri attesi per Expo 2015. Anche per il nostro territorio si tratterebbe quindi di una grande opportunità; il problema è che Cremona, purtroppo, parte svantaggiata: dopo che la Calpurnia – motonave che salpava proprio da Cremona – è stata recentemente venduta ed è passata dal fiume Po all’Arno, il turismo fluviale è praticamente sparito dal nostro territorio, anche a causa di una scarsa attenzione da parte del mondo istituzionale.

Per Expo l’unica proposta di Cremona legata al po, riguarda la XXXII edizione del Festival Claudio Monteverdi, intitolata ‘Onde sussurranti’: dodici indimenticabili concerti dedicati al grande Maestro Claudio Monteverdi, per poi salpare lungo il Grande Fiume per una crociera musicale da Cremona, a Mantova, a Venezia. Il progetto del Teatro Ponchielli di Cremona e del Comune di Cremona è in stretta sinergia con il Comune di Mantova e il Teatro La Fenice di Venezia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti