I commenti sono chiusi

Scontri, Vezzini e Piloni: 'Solidarietà a Galimberti e alla cittadinanza'

vezzini-evid

Parole di condanna sui fatti di sabato arrivano anche dal presidente della Provincia, Carlo Vezzini, secondo cui: “ferma deve essere la condanna ed esemplare la punizione per quei delinquenti che se ne sono resi responsabili”. La solidarietà di Vezzini va soprattutto “al sindaco di Cremona Gianluca Galimberti e a tutta l’amministrazione comunale, vittima in queste ore di un attacco politico fuori luogo. Mai degli amministratori della nostra città si sono trovati a gestire tali situazioni di violenza, ma nonostante ciò hanno lavorato per salvaguardare Cremona e la sua cittadinanza da un assalto violento senza precedenti. Prefettura e Forze dell’ordine hanno lavorato in modo esemplare per impedire il verificarsi di danni ben più gravi a cose o persone. Condivido poi pienamente le parole del sottosegretario Pizzetti, che ha ben illustrato la situazione generale e l’alveo in cui si è sviluppata tale situazione: le polemiche, anche strumentali, rivolte a parti politiche ed Istituzioni non solo non servono, ma nemmeno sono utili a far sì che tali azioni non si ripetano più”. Vezzini esprime solidarietà totale anche “ai titolari degli esercizi danneggiati ed a tutta la cittadinanza ferita nell’anima. Cremona è una città pacifica e non violenta per cui sono certo che saprà reagire in modo costruttivo e democratico arginando le frange estreme che nulla hanno a che vedere con la sua cittadinanza. Confido nell’attività degli Inquirenti e delle Forze dell’Ordine ed esprimo tutta la mia vicinanza ai titolari degli esercizi danneggiati ed a tutta la cittadinanza, che si è vista privata della propria libertà per un intero giorno, a causa di una città blindata”.

“Quanto accaduto sabato a Cremona è frutto di delinquenti che nulla hanno a che vedere con l’antifascismo e la democrazia”. Questo è quanto dichiarato da Matteo Piloni, segretario provinciale Pd, che ha aggiunto: “Purtroppo la manifestazione è risultata il pretesto per creare volutamente disagi, danni, disordine e violenze. Solidarietà e vicinanza dunque a Cremona, a tutti i cremonesi e ai commercianti, per quanto hanno subìto, e alle forze dell’ordine per lo sforzo messo in campo, evitando che la situazione degenerasse ulteriormente. Piena vicinanza e sostegno al sindaco Gianluca Galimberti e all’amministrazione tutta che in queste ore stanno subendo critiche ingiuste e sbagliate e che nonostante queste stanno mettendo in campo azioni importanti. A questo proposito fa bene l’amministrazione a mettere in discussione le convenzioni con i centri sociali, i quali hanno tradito il rapporto con la città. Una risposta forte a quanto accaduto e che nessuna amministrazione aveva dato, anche nel recente passato.  Una risposta seria, al contrario di tanti commentatori del giorno dopo che, nonostante il ruolo politico e amministrativo che ricoprono, si cimentano nel gioco di chi vuole a tutti i costi identificare nel sindaco il capro espiatorio, per una sola questione elettoralistica, dimostrando la totale assenza non solo di informazioni, ma soprattutto del senso delle Istituzioni e dell’Unità, qualità necessaria soprattutto in queste difficili situazioni”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti