Commenta

Cremona verso un circuito promozionale dei programmi culturali

cultura-evid

Primo aggiornamento per il progetto Cultura a Cremona 2015. Gli uffici del Settore Cultura hanno concluso la prima parte dei contatti diretti con i promotori dei progetti, giudicati coerenti con Cremona Cultura 2015, per verificarne insieme la fattibilità. Sul sito istituzionale del Comune è stato pubblicato un primo aggiornamento riguardante la conferma o meno delle proposte presentate, la presenza di patrocinio e collaborazione e l’ammontare dell’eventuale contributo (http://www.comune.cremona.it/PostCE-display-ceid-4681.phtml).

L’obiettivo che si pone l’Amministrazione è il  lancio di un vero e proprio circuito promozionale del programma culturale per il 2015. 140 i progetti pervenuti entro il 31 ottobre, numero che dimostra l’interesse e la voglia di partecipazione che l’iniziativa ha suscitato.
Nell’elenco, diviso per filoni e in ordine cronologico, oltre ai 140 progetti pervenuti, anche quelli a cui sta lavorando il Comune di Cremona.

Tra questi: “Festival Monteverdi” tra Cremona, Mantova e Venezia, “Da Monteverdi a Verdi” con Cremona, Piacenza, Busseto, “Acquedotte”, “Festival dal lago al fiume”, da Salò a Cremona, la prestigiosa mostra “Vincenzo Campi e le origini della natura morta” presso la Pinacoteca e “L’Arcimboldo Sonoro”, installazione musicale che interagisce con il quadro che ha ispirato Foody, mascotte di Expo 2015. Considerando anche queste attività, promosse direttamente dall’Amministrazione, si arriva a circa 200 iniziative per il progetto culturale partecipato Cultura a Cremona 2015.
Scorrendo le pagine dedicate ai vari filoni, è possibile verificare lo stato di attuazione di ogni singolo progetto e il tipo di collaborazione riconosciuta. Questi i criteri seguiti: pertinenza ai filoni, attenzione al tema della rigenerazione urbana e al collegamento tra Musei cittadini e città. In ogni caso, come già dichiarato, il Comune riconosce un contributo massimo pari al 50% dei costi e a 2.500,00 euro. La formale concessione del patrocinio, della collaborazione e del contributo indicato deve necessariamente essere formalizzato tramite le procedure previste. Gli uffici sono a disposizione per ogni informazione o chiarimento utile.
Online, per la prima volta, anche il calendario delle mostre che si terranno nel corso di quest’anno presso lo spazio espositivo di Santa Maria della Pietà (in allegato).

“Un lavoro intenso ed innovativo – commenta il sindaco – che ha avuto anche l’attenzione dei media nazionali, come il Sole24ore e Rai1. Concluderemo i contatti diretti ed entro marzo completeremo l’aggiornamento, ma lavoreremo già per il 2016 per arrivare entro giugno ad avere la programmazione culturale partecipata del prossimo anno. Questo ci consente di accendere i riflettori sulla ricchezza culturale della città, di mettere in collegamento progetti ad eventuali sponsor, di promuovere la costruzione di collaborazioni e lo scambio di buone idee tra soggetti e istituzioni della città”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti