Commenta

Biciplan: 18 piste ciclabili allo studio, presto un confronto

bici-evid

Il Comune stringe i tempi sulla viabilità ciclistica: la redazione del BiciPlan (Piano della rete delle piste ciclabili) prosegue senza sosta e si ipotizza la realizzazione di ben 18 piste ciclabili, che colleghino tra loro le varie zone della città. Al lavoro l’assessore al Territorio e alla Salute con delega alla Mobilità Alessia Manfredini, il consigliere comunale Filippo Bonali (al quale il sindaco ha affidato il compito di sostegno al coordinamento sul BiciPlan e di monitoraggio delle relative fasi di avanzamento), i tecnici comunali del Settore Lavori Pubblici, Mobilità urbana e Ambiente e la Polizia Locale, in sinergia con Fiab Cremona (Federazione Italiana Amici della Bicicletta). “Sotto esame ci sono 18 piste ciclabili, ipotizzate come grandi arterie dedicate alle biciclette” fanno sapere dal Comune.

“Queste ciclabili – spiega il consigliere Filippo Bonali – sono state analizzate pezzo per pezzo per individuarne le criticità e sono state confrontate alcune proposte di realizzazione”.  Ora gli uffici comunali compileranno alcune schede descrittive e a seguire si aprirà un confronto con la città, coinvolgendo i comitati di quartiere.

Ma il lavoro che si sta compiendo sul Bici Plan è approdato anche fuori Cremona. “La scorsa settimana assessore e consigliere, accompagnati da un tecnico comunale e dal presidente di Fiab Cremona Piercarlo Bertolotti, si sono recati a Lodi per un confronto con un’amministrazione che ha già sviluppato il piano della rete delle piste ciclabili – fanno sapere dal Palazzo -. E’ partita anche la progettazione del piano di comunicazione per presentare il BiciPlan e per sensibilizzare la cittadinanza all’utilizzo della bicicletta, sempre nel rispetto delle regole del Codice della strada”.

E’ già attiva inoltre la mail istituzionale (biciplan@comune.cremona.it) per comunicazioni riguardanti problematiche e proposte relative alla ciclabilità. “Stiamo facendo un grande lavoro – ha detto l’assessore Alessia Manfredini – Il progetto BiciPlan non è isolato, ma si interseca con coerenza con il Piano della manutenzione strade e cantieri e con il Piano della mobilità sui quali stiamo già facendo i necessari approfondimenti”.

“Dopo la ricognizione, è iniziata la fase progettuale – dichiara Bonali – Seguirà la fase di condivisione. Stiamo rispettando il cronoprogramma e questo è importante. Continuiamo nel lavoro e alla fine la città avrà uno strumento concreto per poter decidere quali piste ciclabili realizzare in base a priorità, costi e fattibilità”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti