Commenta

Austerity in Comune, l'auto del comandante passa al sindaco

polizialocale-evid

Tempo di austerity in Comune anche per quanto riguarda le auto blu. O meglio le auto bianche, visto il colore dell’automobile di rappresentanza del sindaco Galimberti, l’Alfa 159 che fino a poco fa era in dotazione alla Polizia Municipale. Oggi è stata adattata per metterla a disposizione delle trasferte di rappresentanza del sindaco. Un’operazione di restyling che ha comportato l’eliminazione dei dispositivi in uso al corpo di polizia e la cancellatura delle strisce verdi. Infatti sono finiti i tempi in cui le concessionarie mettevano a disposizione del primo cittadino un’auto in comodato d’uso. Gli ultimi contratti di questo tipo sono terminati con l’amministrazione Perri, che già nell’ultima parte del mandato aveva dovuto ricorrere ad un’auto a noleggio. Un costo di 600 euro al mese che adesso si è deciso di non sostenere più, decidendo di togliere un mezzo alla Municipale e di dirottarlo a Palazzo Comunale.

Una scelta di cui chiede conto il consigliere di Forza Italia Giorgio Everet, con una interrogazione per conoscere  “quali sono i motivi per cui si è sacrificata la sicurezza in favore di una macchina di rappresentanza per il Sindaco, spendendo denaro che avrebbe potuto essere diversamente utilizzato; e sapere a che punto è il tanto proclamato aumento di personale fatto in assemblea dall’assessore”. Domande rivolte alla responsabile della Municipale, Barbara Manfredini alla quale, aggiunge Everet, “torno a chiedere quando arriveranno le auto nuove per la Polizia, di cui aveva parlato in una precedente interrogazione. Aveva detto che si stava adoperando per ottenerle, ma non mi pare ci siano stati riscontri”.

Notizia di questi giorni, inoltre, che il bando di mobilità tra enti di p.a per incrementare di 5 agenti il Corpo della Municipale, è stato congelato, per effetto della circolare Madia di gennaio che impone ai comuni di assumere prioritariamente personale proveniente dalle Province.

g.b.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti