6 Commenti

Attentato in Kenya, non stessa reazione come per Charlie

Lettera scritta da Paolo Carletti (Psi)

Noi socialisti abbiamo partecipato tre mesi or sono alla manifestazione svoltasi in Cortile Federico II dopo l’attentato di Parigi che ha visto morire 12 membri della redazione di un giornale satirico francese, organizzata e sostenuta da una decina di associazioni cremonesi,  che invitavano i partecipanti a portare una penna in difesa del diritto di critica giornalistica.

Niente di più giusto.

Ma, senza capirne il motivo, a fronte dell’attentato che pochi giorni fa ha ammazzato 148 studenti universitari in Kenya non ho visto la medesima mobilitazione “culturale” in difesa del diritto allo studio.

Eppure quei 148 sono morti perché cercavano Libertà nello studio, cioè perché assecondavano con la complicità dei libri quell’innata curiosità che respinge ogni dogma, perché insomma,studiando i dubbi dell’umanità, cercavano i limiti della conoscenza. Ecco perché sono morti!

E questo non vale una penna al cielo?

In entrambi i casi si è sferrato un attacco a quelle che che sono basi della cultura occidentale: il diritto di critica e quello alla conoscenza,  ma allora l’istinto di sopravvivenza intellettuale degli studenti universitari africani, vale meno del diritto di critica satirica dei giornalisti francesi?

A noi non pare proprio e, soli, impugnamo senza esitazione la nostra penna, che da 120 è simbolo di libertà, uguaglianza e giustizia sociale, in memoria delle 148 vittime dell’attentato all’università di Garissa.

Paolo Carletti

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Nokia

    Hanno una penna in 120? Ecco perché fanno fatica a farsi capire.

    • Andrea

      Nokia sei veramente pessimo, ti nascondi come un codardo dietro a un nome insulso e rompi le scatole a tutti dicendo cose di una stupidità sconfinata (e che a quanto pare solo a te sembrano intelligenti), ti credi superiore a tutti ma dai tuoi commenti risulti solo un cretino. Vergognati, scherzare su queste cose è una vigliaccheria. Rispondi pure con i tuoi soliti commenti da terza elementare, non ti risponderò più, dico solo che la gente come te fa schifo. Sei ridicolo

      • Nokia

        Avete letto lo sproloquio di uno trasparente come Andrea Andrea. Nome e cognome coincidono. Antifascista e anticomunista ad intermittenza. (impara a leggere gli articoli prima di commentare)

        • Andrea

          Guarda che non ti voglio insultare solo per questo articolo, mi fai schifo proprio in generale come persona, ci tenevo a fartelo sapere. Sono antifascista e anticomunista perchè non mi piacciono gli estremismi di qualsiasi genere, tu invece sei un troll che rompe le scatole a tutti, e probabilmente lo fai perchè nella vita reale sei già considerato un rifiuto da tutti. Mi chiamo Andrea e sono di Cremona, il mio cognome non lo metto su internet per te, ma proprio per questo non mi metto ad insultare chi lo fa, come tu spesso hai fatto in altri commenti. Non so nemmeno perchè sto sprecando tempo a scrivere questo commento, anche perchè faccio solo il tuo gioco. Dopo il 33 10 i nokia han proprio perso valore

          • Nokia

            Vorrei trovare un senso a questo andrea, anche se questo andrea un senso non ce l’ha.

  • Andrea

    E comunque scherzare su un banale errore di stampa in un articolo triste come questo è da s*****i, impara a capire il senso dei commenti prima di rispondere