Un commento

Grandi nomi internazionali per portare a Cremona la cultura del Jazz

jazz-rassegna-evid

Rilanciare a Cremona la cultura della musica jazz, con nomi di fama internazionale e un approccio decisamente innovativo: questo l’obiettivo del Cremona Jazz 2015, che si terrà all’auditorium Giovanni Arvedi del Museo del Violino di Cremona dal 16 aprile al 13 maggio.

“La rassegna nasce dall’idea di portare a Cremona una forma musicale che qui oggi non è molto nota – ha spiegato Fabrizio Loffi, direttore di Mondo Padano e organizzatore dell’evento, durante la Conferenza stampa di presentazione -. Abbiamo voluto portare questa rassegna in un contesto che è il top in fatto di acustica, ossia l’auditorium del Museo del Violino”.

“A muoverci è la volontà di seguire una tendenza di fermento che si sta osservando intorno al jazz e allo swing nelle più grandi città europee – ha aggiunto Ana Vera Teixeira -. Questa rassegna dovrà essere il punto di partenza per una rassegna che speriamo diventerà un appuntamento fisso, facendo entrare Cremona nel circuito delle città rinomate per il jazz”.

L’evento è composto da 5 date con i più grandi nomi nel mondo del jazz: Carmelo Tartamella con la sua Associazione Archtop Jazz Guitar come direttore artistico, ha studiato un percorso musicale vario ma coerente nella sua sequenza. “Il primo incontro sarà con Renzo Arbore, personaggio popolarissimo della televisione e della radio italiana, direttore di Umbria jazz, musicist, e da sempre scopritore di nuovi talenti – ha spiegato Tartamella -. Una prima serata che avrà la funzione di riavvicinare il popolo allo swing. Secondo appuntamenro sarà con Ferenc Snétberger, fra i più apprezzati musicisti europei, che fungerà da trés d’union tra le sonorità più classiche a cui è abituato il pubblico cremonese e quelle jazz. Con il quartetto d’archi Nàdor String Quartet che lo accompagna, troverà nell’auditorium del Museo del Violino, la sua casa naturale”.

Il 28 sarà il turno di Ron Carter: “Un colosso della storia del Jazz che non ha bisogno di presentazioni” ha detto Tartamella. Del resto gli appassionati del genere sanno che ha 2500 dischi al suo attivo, ha suonato ed inciso con tutti i più grandi della seconda metà del ‘900, Miles Davis, John Coltrane, Bill Evans,  ecc. “Uno dei più grandi contrabbassisti della storia, formatosi con studi accademici, rappresenta l’unione con la storia della liuteria cremonese – ha spiegato ancora il direttore artistico – e suonerà, su sua esplicita richiesta, un contrabbasso realizzato a Cremona. Egli verrà accompagnato dal pianista Donald Vega e dal maestoso Russell Malone alla chitarra”.

Altro grande appuntamento, in occasione della Giornata internazionale Unesco dedicata alla Musica Jazz, approderà a Cremona il celebre John Scofield, chitarrista famosissimo non solo nell’ambito jazzistico. “In questa data, quindi, Cremona sarà una delle capitali del jazz nel mondo – ha spiegato Tartamella – dove si svolgeranno concerti per rendere omaggio al nostro genere musicale”.
Chiurusa in bellezza, quindi, con Dianne Reeves voce del Jazz a livello mondiale, che ha vinto poche settimane fa il suo quinto Grammy Awards.

“Abbiamo costruito un progetto puntando sulle eccellenze, ma allo stesso tempo cercando di coinvolgere anche il mondo giovanile – ha aggiunto Roberto Arese – Luca Filastro, aprirà la serata di Ron Carter Trio, è la scelta che Archtop Jazz Guitar ha fatto per rappresentare tutto il movimento di giovani musicisti italiani, già affermati e talentuosi che cercano una grande platea per dimostrare un fermento in crescita. Suonerà nello stile dello swing anni ’30 in un collegamento temporale con la nascita”.

Ma il collegamento con il mondo dei giovani non finisce qui. Per promuovere ulteriormente questo genere musicale, “siamo entrati nelle scuole superiori di Cremona e provincia, negli ultimi due mesi, facendo conoscere il jazz ai giovani e riscontrando davvero un grande interesse”.

“Cremona deve imporsi sempre più come città della musica – ha concluso Mariagrazia Posca, di Unomedia (agenzia che si occupa di organizzare eventi e che organizza la rassegna) -.  Questo festival ci è sembrato da subito una grande opportunità”.

Laura Bosio

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Nokia

    Bella notizia..grande Fabrizio.