Commenta

Calcio: confermate combine di A, si aggrava la posizione di Mauri

macedone-evi

Il pm di Martino, il capo della Mobile Lelario e il giudice Salvini

Confermate le combine di tutte le partite di serie A oggetto del procedimento, e pensanti riscontri sul capitano della Lazio Stefano Mauri. E’ quanto avrebbe detto il 38enne macedone Hristyian Ilievski nel secondo round di interrogatorio durato più di tre ore e svoltosi oggi pomeriggio nell’ufficio del gip Guido Salvini. Sarebbero una bomba, come filtra da palazzo di giustizia, le dichiarazioni dell’ex latitante capo degli Zingari, chiamato lo ‘sfregiato’ a causa di una cicatrice sulla guancia rimediata in guerra in Kosovo. Per gli investigatori, Ilievski, ex agente della polizia speciale macedone, era il capo di quella banda che per anni ha percorso l’Italia a caccia di informazioni sicure sulle partite offrendo soldi ai giocatori, anche 200 mila euro per una partita di A, e presentandosi direttamente nelle sedi dei vari ritiri, anche a suon di minacce e di intimidazioni.

Il macedone e il suo avvocato Luca Curatti

Davanti al gip Salvini (presenti anche il procuratore Roberto di Martino e il capo della squadra mobile Nicola Lelario), il macedone, che si è definito “corruttore”, “pagatore di notizie” e “scommettitore”, avrebbe approfondito in modo dettagliato tutte le partite di serie A oggetto del procedimento, e aggravato, con le sue dichiarazioni, la posizione di Stefano Mauri. Ilievski avrebbe anche detto che uno dei ritrovi in cui lui e il suo ‘secondo’ Almir Gegic consegnavano il denaro all’ex Piacenza Carlo Gervasoni per comprare i giocatori era il ristorante nippo brasiliano “Finger’s” di Porta Romana a Milano.
Di Mauri, Ilievski aveva parlato anche ieri, facendo nuovi nomi e confermando di aver incontrato il capitano della Lazio e il centrocampista del Genoa Omar Milanetto in occasione di Lazio-Genoa del 14 maggio 2011. Il primo a Formello, il secondo nell’albergo dove il Genoa era in ritiro. E in occasione di Lecce-Lazio del 22 maggio successivo avrebbe confermato contatti con il gruppo degli Ungheresi. Anche nell’interrogatorio di oggi si sarebbe parlato molto di Lecce-Lazio, una partita che vedrebbe coinvolto più di un giocatore.
Martedì prossimo Ilievski, difeso dall’avvocato Luca Curatti, sarà interrogato in procura dal pm Roberto di Martino. Davanti al procuratore, il macedone, che tornerà in diverse tranche, approfondirà tutte le dichiarazioni rilasciate al gip Salvini che comunque lo dovrà risentire al termine degli interrogatori programmati in procura.

Sara Pizzorni

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti