Commenta

Scontro tra due auto a Ricengo, muore 21enne ivoriano

RICENGO – Uno scontro fortissimo sul rettilineo della 591, in territorio di Ricengo è costato la vita a un ivoriano di 21 anni residente a Ricengo, mentre un’altra persona coinvolta nel sinistro è stato trasportato in ospedale a Bergamo con l’eliambulanza. Lo scontro è avvenuto oggi, intorno alle 16.15 e, secondo la ricostruzione della Polstrada, subito intervenuta, la Fiat Punto dell’ivoriano è finita sulla corsia opposta andando a sbattere contro la Range Rover condotta da un cittadino francese, R. C., 46 anni di Ricengo. La Punto andava verso il paese cremasco, mentre la Range Rover aveva da poco imboccato la strada e stava andando verso Crema. Lo scontro è stato terribile. La Punto si è letteralmente disintegrata, perdendo il motore e gran parte della carrozzeria. Per il giovane 21enne che era alla guida del veicolo non c’è stato nulla da fare: è morto sul colpo. La Range Rover, invece, si ribaltata in mezzo alla carreggiata, intrappolando nelle sue lamiere  il guidatore. Immediati i soccorsi, con auto medica e ambulanza, che hanno avvertito i vigili del fuoco di Crema e fatto intervenire un’eliambulanza che si è alzata in volto dall’ospedale di Bergamo. Per estrarre il guidatore della Range Rover dalla sua auto i soccorritori hanno dovuto lavorare per circa un’ora. Quando l’uomo è stato adagiato su una barella, era cosciente. Nei pressi c’era la moglie, avvertita dell’incidente nel quale era stato coinvolto il coniuge. Quando il ferito è stato stabilizzato, la barella sulla quale era stato adagiato è stata sistemata nell’eliambulanza che è ripartita alla volta di Bergamo, nel cui ospedale l’uomo è stato ricoverato. Le sue condizioni non sembrano preoccupanti, potrebbe aver riportato alcune fratture ma non è in pericolo di vita.

La circolazione sulla strada di collegamento è stata subito interrotta al traffico per permettere i soccorsi e poi il recupero dei mezzi e la ripulitura del manto stradale.

Pier Giorgio Ruggeri

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti