Commenta

Via con 15mila euro di rame Inseguimento nella notte

Inseguimento a folle velocità nella notte e fuga tra i campi per un uomo che è poi risultato essere reduce da un furto di ingenti quantitativi di rame. Il malvivente è riuscito a far perdere le sue tracce ma i carabinieri di Crema, hanno recuperato il furgone con la refurtiva.

L’operazione è scattata nel corso di alcuni controlli, messi in campo al fine di contenere il fenomeno dei cd. reati predatori, soprattutto per furti di rame a danno di cimiteri, cantieri edili e impianti di illuminazione delle piste ciclabili. I controlli sono durati tutta la giornata e la notte di giovedì, con l’impiego di 10 autoradio e 20 militari. Otto i rottamai presenti sul territorio che sono stati controllati, nonché oltre 100 le persone ed i veicoli e 6 le contravvenzioni elevate.

Ma il momento topico è stato intorno alle 5 della mattina quando, durante un posto di controllo eseguito nel Comune di Rivolta d’Adda lungo la SP104, la pattuglia del Radiomobile ha imposto l’alt ad un furgone Iveco daily di colore rosso, su cui era presente il solo conducente. Il mezzo anzichè fermarsi,ha forzato il posto di blocco, dandosi alla fuga. Immediato l’inseguimento, a forte velocità, da parte dei militari dell’Arma, finché il fuggiasco ha svoltato in una strada sterrata, è sceso dal mezzo e si è dato alla fuga nel bosco, riuscendo a far perdere le proprie tracce. La zona è stata rastrellata da cima a fondo, con l’impiego di altre due pattuglie, per diverse ore, senza  però alcun esito.

All’interno del furgone sono però state rinvenute diverse matasse di cavo elettrico da alta tensione per un peso di circa 15 quintali (valore della refurtiva di oltre 15.000 euro). Il mezzo, asportato in una ditta di sesto San Giovanni, è stato recuperato dal soccorso stradale per essere sottoposto ai rilievi tecnici da parte del Nucleo Operativo e che saranno poi inviati al Ris di Parma; nel frattempo sono state attivate le ricerche dei proprietari. Si allegano foto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti