Commenta

Sono 130 i 'nuovi italiani' di Cremona Per loro Costituzione e Statuto

Sono 244 i neo maggiorenni italiani e 130 gli stranieri che hanno acquisito la cittadinanza italiana a Cremona nel primo semestre del 2015. A loro è dedicata l’iniziativa ‘2 Giugno – Siamo cittadini’, con consegna della Costituzione e dello statuto comunale, che si terrà  domani in sala Quadri, a seguito della commemorazione della nascita della Repubblica in piazza del Comune (ore 10). La Giunta ha deciso che da quest’anno, in occasione della Festa della Repubblica, i neo maggiorenni e gli stranieri che hanno acquisito la cittadinanza italiana possano prendere coscienza e conoscenza dei diritti e dei doveri, riconoscersi in una comunità con principi e valori condivisi.

Dei nuovi italiani 27 sono di origine marocchina, 25 albanese, 21 rumena, 11 algerina, 9 tunisina, 7 senegalese e nigeriana, 6 ivoriana, poi ghanese, russa, boliviana, brasiliana, cinese, croata, eritrea, filippina, indiana indonesiana, libanese e serba.
Il programma prevede il ritrovo, alle ore 10.00, in piazza del Comune, per la cerimonia commemorativa del 69° anniversario della Repubblica Italiana. A seguire, alle ore 11.00, nella Sala dei Quadri di Palazzo Comunale, il sindaco Gianluca Galimberti e la presidente del Consiglio comunale Simona Pasquali consegneranno ai neo maggiorenni e a tutti i “nuovi cittadini” una copia della Costituzione Italiana e una dello Statuto comunale. E’ previsto anche un momento musicale grazie alla disponibilità di due ragazzi che hanno partecipato al progetto Back to School!, appena conclusosi, Daniele Sartori e Marco Aporti.
La Costituzione Italiana sarà consegnata per sancire simbolicamente il passaggio all’età adulta dei neo maggiorenni e l’acquisizione della cittadinanza, un impegno ad essere cittadini consapevoli dei propri diritti e doveri, e delle regole che sostengono la convivenza civile. I principi contenuti nella Costituzione sono impegni chiari che chi governa ha il compito di rendere concreti ed effettivi e che, se maggiormente condivisi e attuati, contribuiscono a mantenere alto il livello di coesione sociale.
Per promuovere la partecipazione alla vita cittadina, sarà consegnato anche lo Statuto comunale che esprime finalità e principi della comunità cremonese, stabilisce i principi di organizzazione e funzionamento del Comune, le forme di partecipazione popolare, le modalità di accesso dei cittadini alle informazioni e ai procedimenti amministrativi, indica le forme di collaborazione con gli altri enti locali per svolgere in modo coordinato funzioni e servizi di interesse di più comunità.

“La manifestazione – aggiunge il capo di Gabinetto della Prefettura, Beaumont Bortone – pur se organizzata all’insegna della sobrietà, rappresenterà un momento corale per rinnovare, nelle istituzioni e nella cittadinanza, il ricordo del lungo processo storico che ha portato alla creazione della nostra Repubblica ed all’affermazione dei suoi valori fondanti.
La cerimonia,  prevede, tra l’altro, lo schieramento dei reparti appartenenti alle forze civili e militari del territorio, l’alzabandiera e la lettura del messaggio del Presidente della Repubblica da parte del Prefetto.
La cittadinanza e tutte le istituzioni civili e militari del territorio nonché le associazioni combattentistiche e d’arma della provincia, sono invitati a partecipare numerosi alla manifestazione”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti