Commenta

Droga: il Riesame manda ai domiciliari il prof di matematica

Va agli arresti domiciliari, Antonio Salerno, il professore di matematica residente a San Marino di Gadesco arrestato lo scorso mese dai carabinieri di Fiorenzuola per detenzione di stupefacenti ai fini di spaccio. Il suo legale, l’avvocato Simon Grasso, ha fatto ricorso al tribunale del Riesame di Brescia contro la decisione del giudice di Cremona Pierpaolo Beluzzi che aveva mantenuto la custodia cautelare. Salerno andrà ai domiciliari in un’abitazione diversa da quella di Gadesco dove i militari avevano sequestrato la droga. L’avvocato Grasso non ha invece presentato alcuna istanza per il Ercole Salerno, il fratello di Antonio, che quindi per ora resta in carcere. Ercole, cutrese con precedenti per rapina, è reo confesso. Nell’interrogatorio aveva cercato di scagionare il fratello, prendendosi tutte le colpe, ma per l’accusa Antonio, incensurato, docente di matematica alle medie di Pieve San Giacomo, sarebbe stato perfettamente a conoscenza dell’attività del fratello, anzi: avrebbe addirittura sfruttato le sue conoscenze di chimica per tagliare stupefacenti. Nella casa di Gadesco e in un’altra abitazione di Costa Sant’Abramo, usata come deposito, i carabinieri avevano trovato 200 grammi di benzocaina, una sostanza da taglio di alta qualità, 200 grammi di mannitolo e 500 di caffeina, altre sostanze usate per il taglio, e 200 grammi di cocaina da lavorare. Sequestrati anche documenti che ricondurrebbero a soggetti implicati nella maxi inchiesta anti n’drangheta ‘Aemilia’. Secondo quanto ricostruito dai militari, il laboratorio produceva medaglioni da 10 grammi e panetti da 100 grammi di coca.

Sara Pizzorni

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti