2 Commenti

Bilancio, la Lega attacca Galimberti: 'Fa cassa con le multe'

Duro attacco della Lega Nord contro l’amministrazione comunale, dopo la presentazione del bilancio di previsione fatta nei giorni scorsi, che precede “introiti per 5 milioni e 900mila euro da multe e infrazioni” evidenzia Alessandro Carpani Capogruppo Lega Nord in Consiglio Comunale di Cremona. “Solo una Giunta che ha nel proprio dna la repressione e non la prevenzione può arrivare a pensare di fare cassa e massacrare i cittadini cremonesi in questo modo. Avevamo visto positivamente l’aumento di 4 unità nell’organico della Polizia Locale, pensavamo e speravamo che le nuove forze fossero impegnate a controllare meglio il territorio, i parchi, i quartieri, la vie del centro storico, invece, l’amara sorpresa”.

La Lega ricorda quindi “le dichiarazioni del Sindaco in occasione della presentazione dei nuovi agenti: ‘Una risposta ai cittadini a favore di una maggiore sicurezza e di una maggiore prossimità’. Visto quanto intende introitare l’Amministrazione Comunale, la Polizia Locale diventa la nuova Equitalia della città, esattori di multe ed infrazioni per conto del Comune, il tutto con lo scopo di coprire i buchi di bilancio derivanti dai tagli del Governo Renzi-Alfano”.

Carpani conclude con un messaggio direttamente al sindaco Galimberti: “caro Sindaco, dica come stanno realmente le cose, i 5 milioni di euro di tagli dello Stato verranno coperti mettendo mano al portafoglio dei cittadini cremonesi. Troppo facile commentare ‘chiudiamo il bilancio senza mettere mano alla pressione fiscale’. Cremona merita di meglio”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • antonio1956

    I buchi di bilancio non sono da imputare solamente al Governo Renzi-Alfano ma anche all’Amministrazione precedente che candidamente ammetteva un buco giustificandosi con un “mi avevano detto che…..”

  • antonio1956

    I buchi di bilancio non sono da imputare solamente al Governo Renzi-Alfano ma anche all’Amministrazione precedente che candidamente ammetteva un buco giustificandosi con un “mi avevano detto che…..”