Commenta

Scontri via Mantova Per Galli e Arena obbligo di firma

scontri casapound-evid

Gianluca Galli, segretario di Casa Pound Cremona accusato di tentato omicidio e rissa aggravata per quanto accaduto ad Emilio Visigalli, l’esponente del Dordoni gravemente ferito negli scontri scoppiati in via Mantova il 18 gennaio scorso, passa dagli arresti domiciliari alla misura più lieve dell’obbligo di firma presso la polizia giudiziaria. Dal giudice Pierpaolo Beluzzi aveva già il permesso di uscire per recarsi al lavoro. Galli è difeso dall’avvocato Vanessa Bonaiti, del foro di Bergamo. Le medesime accuse sono contestate anche all’altro militante di Casa Pound, Guido Taietti. Anche a quest’ultimo ha la misura dell’obbligo di firma.

Ha lasciato gli arresti domiciliari anche Michele Arena, esponente del centro sociale Dordoni accusato di rissa aggravata per i medesimi fatti del 18 gennaio. Anche per Arena, difeso dall’avvocato Sergio Pezzucchi, è stato disposto l’obbligo di firma.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti