14 Commenti

Pd: 'Rigenerazione urbana? In passato progetti sovradimensionati'

comune-evid

“In merito alla polemica del consigliere Fasani sul tema della rigenerazione urbana bisogna considerare che si tratta di una materia articolata, a molteplici sfaccettature, nella quale senza dubbio ricomprendere anche il rilancio di alcuni comparti complessi e la riqualificazione dei tessuti urbani o di spazi defunzionalizzati. Purtroppo però nel passato recente abbiamo visto poca capacità di portare a compimento progetti troppo ambiziosi o sovradimensionati rispetto alle possibilità economiche e alle esigenze di una città come Cremona”. E’ quanto dichiarano Rodolfo Bona, capogruppo del Pd in Consiglio comunale, e Lia a Beccara della segreteria cittadina. “Tre esempi – continuano -: il concorso pubblico per piazza Stradivari, al quale non è seguito alcun tipo di intervento; la nuova pavimentazione di alcune strade del centro storico, come corso Vittorio Emanuele e corso Matteotti, che per le scelte compiute sui materiali è stata realizzata solo su alcuni tratti, lasciando un’immagine di incompiutezza, oltre che la scomodità per chi transita in bicicletta; il concorso denominato ‘Cremona City Hub’, che ridisegna il grande spazio compreso tra via Mantova e via Persico in adiacenza allo stadio, che solo in minima parte vedrà la sua attuazione grazie al Polo tecnologico che sta per essere avviato solo su una porzione marginale dell’area. Infatti sulla parte restante è stata premiata la scelta di un’edificazione pesante e sovrabbondante rispetto alle esigenze del mercato immobiliare di Cremona, con costi attualmente non sopportabili per qualunque operatore immobiliare, con una scarsissima e quasi nulla presenza di nuovo verde urbano, fattori che tutti insieme ne rendono l’attuazione impensabile per molti anni”.

“La proposta dell’attuale Amministrazione in tema di rigenerazione urbana del centro storico – dicono gli esponenti del Pd – ha invece i due requisiti fondamentali della concretezza e della fattibilità, all’interno di un percorso progettuale condotto su scala urbana che porterà ad indirizzi e scelte di insieme che sapranno organicamente valorizzare la città nella sua interezza. Approccio che recentemente è stato apprezzato anche attraverso l’assegnazione al Comune di Cremona del premio biennale spazio pubblico 2015. Per queste ragioni il Pd sostiene con convinzione questa scelta, non dimenticando l’esigenza di riflettere su alcune aree della città, abbandonate o sottoutilizzate, ma con lo spirito pragmatico di chi sa che è necessario avere anche delle ricadute immediate e tangibili in termini ambientali ed economici. Pragmatismo che spiega l’apprezzamento registrato fra gli operatori commerciali e più in generale quello espresso da molti cittadini”.

In conclusione: “Non dubitiamo che anche l’architetto Fasani saprà dare il proprio contributo su questa interessante e strategica partita, in un dibattito che archivi però  sterili e strumentali polemiche a difesa di posizioni di parte e toni ironici, del tutto inaccettabili. Cremona deve guardare avanti e, per farlo, ha bisogno di una dialettica costruttiva che sappia aprire una nuova stagione di riflessione e confronto fra politici, cittadini, categorie produttive e con tutti i soggetti interessati al rilancio di Cremona. Il Pd, da parte sua, sarà protagonista di questo percorso, con serietà, competenza e rinnovato impegno”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti
  • BillyBalle

    ” I due requisiti fondamentali della concretezza e della fattibilità, all’interno di un percorso progettuale condotto su scala urbana che porterà ad indirizzi e scelte di insieme che sapranno organicamente valorizzare la città nella sua interezza.” Tradotto in risultati operativi?…..Evanescente linguaggio politico del nulla!

    • un fascio di luce

      non solo. un bel salto triplo rispetto alle dichiarazioni fatte dai medesimi consiglieri del pd che, fino allo scorso anno, quand’erano all’opposizione di Perri, si opponeva con grande ostilità al progetto city hub, visto come ennesimo progetto di “cementificazione” e non vera rigenerazione urbana….

      ora invece se ne riempion la bocca, dato che l’unico progetto da loro presentato come “rigenerazione urbana” assomiglia più ad un laboratorio x bambini… (onde 2014 e isole 2015….???)

      • BillyBalle

        Aggiungiamo il testamento biologico visto come grande strategia turistica…Cremona, la Varanasi della Padania con il suo fiume sacro, le onde, i sussurri e le grida dei morti!…

      • me

        Buongiorno, scusi la domanda, ma se lei dovesse pubblicizzare un progetto che fosse stato ideato…tempificato…approvato…da una giunta precedente e che per partire avesse bisogno di fondi….non se ne riempirebbe la bocca fino ad averne anche l’indigestione in modo da riuscire a reperire piu fondi possibili o cmq non lo pubblicizerebbe il piu possibile per riuscire nell’impresa?…Io voglio leggererlo come uno dei pochi momenti di continuità progettuale tra una giunta di un colore e la successiva di un’altro….sarebbe sicuramente stato peggio se dopo un’opposizione di minoranza fosse stato abolito o accantonato dopo la vittoria delle elezioni…quella si sarebbe stata una perdita di tempo.

        • BillyBalle

          I fondi non si reperiscono con questa pubblicità ma con la validità del contenuto e dell’offerta ai partners del progetto. L’impresa non è “far partire un idea” ma dare ad essa continuità e sviluppi economici sul territorio.Quanto alla rigenerazione urbana manca il denominatore comune e senza quello la socializzazione di cui parla rimarrà sempre e solo fine a se stessa, colorare l’asfalto!

  • BillyBalle

    ” I due requisiti fondamentali della concretezza e della fattibilità, all’interno di un percorso progettuale condotto su scala urbana che porterà ad indirizzi e scelte di insieme che sapranno organicamente valorizzare la città nella sua interezza.” Tradotto in risultati operativi?…..Il solito evanescente linguaggio politico del nulla!

    • un fascio di luce

      non solo. un bel salto triplo rispetto alle dichiarazioni fatte dai medesimi consiglieri del pd che, fino allo scorso anno, quand’erano all’opposizione di Perri, si opponeva con grande ostilità al progetto city hub, visto come ennesimo progetto di “cementificazione” e non vera rigenerazione urbana….

      ora invece se ne riempion la bocca, dato che l’unico progetto da loro presentato come “rigenerazione urbana” assomiglia più ad un laboratorio x bambini… (onde 2014 e isole 2015….???)

      • BillyBalle

        Aggiungiamo il testamento biologico visto come grande strategia turistica…Cremona, la Varanasi della Padania con il suo fiume sacro, le onde, i sussurri e le grida dei morti!…

      • me

        Buongiorno, scusi la domanda, ma se lei dovesse pubblicizzare un progetto che fosse stato ideato…tempificato…approvato…da una giunta precedente e che per partire avesse bisogno di fondi….non se ne riempirebbe la bocca fino ad averne anche l’indigestione in modo da riuscire a reperire piu fondi possibili o cmq non lo pubblicizerebbe il piu possibile per riuscire nell’impresa?…Io voglio leggererlo come uno dei pochi momenti di continuità progettuale tra una giunta di un colore e la successiva di un’altro….sarebbe sicuramente stato peggio se dopo un’opposizione di minoranza fosse stato abolito o accantonato dopo la vittoria delle elezioni…quella si sarebbe stata una perdita di tempo.
        In quanto alla tanto discussa “rigenerazione urbana”, il concetto non si riferisce solo ed esclusivamente allo spazio costruito ed eventualmente dismesso (quindi ad un involucro edilizio), ma anche all’aspetto socializzante del luogo in cui si interviene, considerando come “Luogo” non solo un edificio ma anche uno spazio di connettivo, un’area libera da edifici ma poco utilizzata, un tessuto di frangia come le periferie, un a strada del centro storico….etc. Viste le poche risorse girate dallo stato agli enti locali, ancora buona che riescono a dipingere un po di asfalto…

        • BillyBalle

          I fondi non si reperiscono con questa pubblicità ma con la validità del contenuto e dell’offerta ai partners del progetto. L’impresa non è “far partire un idea” ma dare ad essa continuità e sviluppi economici sul territorio.Quanto alla rigenerazione urbana manca il denominatore comune e senza quello la socializzazione di cui parla rimarrà sempre e solo fine a se stessa, colorare l’asfalto!

  • antonio1956

    Quello che sto per scrivere quasi sicuramente c’entra nulla con la rigenerazione urbana, ma tanto per far qualcosa di esteticamente utile alla città, non solo al centro, inviterei l’Amministrazione a obbligare (se non l’ha già fatto) i proprietari di negozi sfitti e di case fatiscenti a farsi carico della pulizia sistematica delle vetrine e quanto di loro competenza in un caso, delle porte di accesso e delle facciate degli stabili nell’altro e nel caso di non ottemperanza alle (nuove) disposizioni, l’applicazione di pesanti multe.

    • BillyBalle

      …”Il PD non dimentica, riflette su alcune aree della città, abbandonate o sottoutilizzate”…L’importante è crederci con entusiasmo, per fare c’è tempo…

  • antonio1956

    Quello che sto per scrivere quasi sicuramente c’entra nulla con la rigenerazione urbana, ma tanto per far qualcosa di esteticamente utile alla città, non solo al centro, inviterei l’Amministrazione a obbligare (se non l’ha già fatto) i proprietari di negozi sfitti e di case fatiscenti a farsi carico della pulizia sistematica delle vetrine e quanto di loro competenza in un caso, delle porte di accesso e delle facciate degli stabili nell’altro e nel caso di non ottemperanza alle (nuove) disposizioni, l’applicazione di pesanti multe.

    • BillyBalle

      …”Il PD non dimentica, riflette su alcune aree della città, abbandonate o sottoutilizzate”…L’importante è crederci con entusiasmo, per fare c’è tempo…