Commenta

Al cellulare rubato risponde il ladro Pena di otto mesi

carabinieri-evid

Processato per direttissima, ha patteggiato una pena di otto mesi e 300 euro di multa il marocchino residente a Cremona finito in manette per aver rubato uno smartphone lasciato in un’auto parcheggiata nei pressi della canottieri del Dopolavoro ferroviario. L’arresto è stato effettuato dai militari del Nucleo radiomobile dei carabinieri nella serata di giovedì. Dall’automobile, di proprietà di una 41enne di Cremona, via un bottino composto da un borsello e uno smartphone. La donna ha chiamato sia il 112 che il numero del telefono sparito ed è riuscita a parlare con il presunto autore del furto, che ha chiesto al proprietario 120 euro per la restituzione dello smartphone. Sul luogo stabilito per la consegna del denaro, però, si sono presentati i militari dell’Arma.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti