Commenta

Nuovi arredi in corso Garibaldi e viabilità modificata: al via la rigenerazione urbana

garibaldi-evid

Foto: Sessa

E’ iniziata di prima mattina, in corso Garibaldi, l’installazione degli arredi per il secondo appuntamento con la rigenerazione urbana che, da sabato 18 luglio (inaugurazione in programma alle 18 in corso Mazzini alla presenza del sindaco Gianluca Galimberti e dell’assessore alla Rigenerazione Urbana Barbara Manfredini) e sino alla fine di settembre, torna ad animare il centro cittadino. Agli arredi urbani e alle iniziative di animazione in corso Garibaldi si aggiungono quest’anno anche altri due spazi cittadini, corso Mazzini e largo Boccaccino, dove anche gli interventi verranno attuati tra mercoledì pomeriggio e giovedì.

L’obiettivo è offrire occasioni per tutti di transitare, di fermarsi e di godere del piacere di stare insieme in zone del centro cittadino, proponendo eventi per tutte le fasce d’età e favorendo vivibilità e commercio. Per questo nelle tre aree del centro vengono allestite libere postazioni di sosta pedonale, piattaforme o piazzole con sedute e padiglioni ombreggianti e spazi dedicati ai giochi per bambini.

Il tutto è stato preceduto da un lungo ed intenso lavoro condotto da un apposito staff costituito per l’occasione dagli assessori e dai tecnici comunali di vari settori (Politiche Educative, Periferie, Mobilità, Polizia Locale, Urbanistica, Cultura, Commercio, Comunicazione, Patrimonio, Segnaletica, Verde, Qualità Urbana). Gli uffici hanno elaborato il progetto partendo da una attenta lettura dei luoghi intesi come spazi fisici e dalla loro fruibilità.

La volontà è accrescere la specifica vocazione “pubblica” e l’assetto pedonale delle tre zone individuate, rendendole idonee ad ospitare attività di rivitalizzazione/animazione e facendole diventare poli di interesse da parte di fruitori, cittadini e turisti.

Piazzole di vario tipo sono posizionate in tutti e tre i luoghi. In corso Garibaldi una attenzione particolare è stata riservata alla zona antistante la casa nuziale di Stradivari dove è collocata una piazzola di incontro, che diventerà segnale attrattivo per i momenti musicali organizzati per ricordare il grande liutaio.

In largo Boccaccino si è deciso di valorizzare l’arena naturale. La parte alta dell’area, con lo sfondo dell’abside del Duomo, verrà utilizzata come palco per intrattenimenti ed animazioni. Oltre alla collocazione delle tre aree, vengono installati gazebo, posizionate sedute e riqualificate le fioriere.

LA NUOVA VIABILITA’

Nell’ambito delle iniziative di rigenerazione urbana prende il via contemporaneamente una nuova sperimentazione della viabilità, riguardante anche il percorso degli autobus che non passeranno più da corso Mazzini, che diventa area pedonale. Tali modifiche rappresentano una prima sperimentazione all’interno del Piano della sosta e della mobilità, in fase di condivisione.

Per quanto riguarda la viabilità, fino al al 30 settembre  sarà in vigore  il  divieto di transito su entrambi i sensi di marcia e il divieto di sosta con rimozione forzata su tutti e due i lati della carreggiata nelle seguenti aree inserite nell’attuale Zona a Traffico Limitato, protetta  dai  varchi elettronici: corso Garibaldi, nel tratto compreso tra via Villa Glori e corso Campi; largo Boccaccino per tutta la sua estensione; corso Mazzini nel tratto compreso tra via Santa Barbara fino all’incrocio con piazza Roma; via San Tomaso nel tratto compreso tra corso Mazzini ed il civico 11/13.

Ad esclusione dei giorni di svolgimento degli eventi, nei quali la circolazione sarà vietata a tutti i veicoli, è consentito il transito alle biciclette a mano, ai veicoli al servizio di disabili (a condizione che il luogo da raggiungere sia all’interno della zona vietata), ai veicoli provenienti e diretti verso le proprietà laterali e ai veicoli dei residenti provvisti di specifica autorizzazione.

Per garantire gli approvvigionamenti dei negozi consentito il transito, dalle ore 05 alle ore 10 e dalle ore 15 alle ore 17 dei giorni feriali, ai veicoli destinati al trasporto di merci o alle autovetture destinate al trasporto di persone, utilizzate per il trasporto di merci provviste di autorizzazione al carico e scarico.

Pur mantenendo l’attuale regolamentazione di Zona a Traffico Limitato, adottate alcune modifiche alla viabilità nelle seguenti vie: Goito, Antico Rodano, San Gallo e del Cistello;  sarà istituito un senso unico di marcia in via Sant’Antonio del Fuoco, nel tratto compreso da via Stenico a viale Trento Trieste, con provenienza da via del Foppone e direzione viale Trento Trieste. Le modifiche sono indicate con apposita segnaletica collocata sul posto.

IL TRASPORTO PUBBLICO

Per quanto riguarda il trasporto pubblico, Km S.p.A. si è già attivata apponendo sulle fermate interessate gli avvisi di modifica dei percorsi e distribuendo sugli autobus i volantini informativi. I nuovi tragitti sono stati studiati nel dettaglio per assicurare comunque l’accesso al centro storico con minibus e bus a metano per un trasporto pubblico più agile. Vengono istituite nuove fermate in via S. Barbara, vicino a piazza Lodi, via XX settembre, via San Siro. Sarà possibile arrivare in via Manzoni, lato giardini pubblici e verrà istituita una fermata anche in via Platina.

Sono tre le linee del trasporto pubblico locale interessate al cambiamento, queste le modifiche:

Linea C. Provenendo da Cremona Po, percorrendo via Massarotti, i mezzi non procederanno da corso Vittorio Emanuele II, via Verdi, via Cavour, corso Mazzini e via Gerolamo da Cremona, ma da via Giordano, largo Pagliari, via Aporti, via Platina, via XX Settembre, via Speciano e via Gerolamo da Cremona. Il nuovo assetto viabilistico prevede per questa linea la soppressione delle due fermate di corso Vittorio Emanuele II, della fermata di via Verdi, di corso Mazzini e via Gerolamo da Cremona (altezza Istituto APC), mentre sul percorso modificato saranno effettuate le fermate di via Giordano, largo Pagliari, via Aporti, e le nuove di via Platina e via XX Settembre. Non sono previste variazioni in direzione opposta.

Linea D. Corse dal Boschetto: provenendo dall’autostazione i mezzi non procederanno lungo largo Paolo Sarpi, via Manzoni, piazza Roma, corso Mazzini, via Gerolamo da Cremona e via Pallavicino, ma il percorso sarà: viale Trento e Trieste, corso Matteotti, piazza Lodi, via del Foppone, piazza Giovanni XXIII, via San Siro, via Aselli, via Regina Teodolinda, via Manzoni, Largo Paolo Sarpi e viale Trento e Trieste.

Corse provenienti da Ospedale: i mezzi non transiteranno da corso Mazzini e piazza Roma ma lungo via Santa Barbara, piazza Lodi, via del Foppone, piazza Giovanni XXIII, via San Siro, via Aselli e via Regina Teodolinda.

Linea L. Per entrambe le direzioni i mezzi non transiteranno da corso Mazzini e piazza Roma, ma da via Santa Barbara, piazza Lodi, via del Foppone, piazza Giovanni XXIII, via San Siro, via Aselli e via Regina Teodolinda. Saranno istituite due fermate provvisorie in via Santa Barbara e via San Siro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti