Commenta

Basket serie A, la Vanoli inizia incontrando i campioni d'Italia Sassari

vanoli-mp

Si riparte sempre da lì, dalla sfida sulla carta più difficile, quella ai Campioni d’Italia. Un anno fa, il 12 ottobre 2014, la Vanoli Cremona sfidò Milano al PalaRadi, stavolta, il 4 ottobre 2015, inizierà il suo settimo anno nella massima serie nazionale sul campo di Sassari, che nel giugno scorso ha conquistato a sorpresa il tricolore, superando proprio Milano in semifinale e poi Reggio Emilia in finale. Un inizio tosto, ma non è una novità: del resto anche ad ottobre 2013 la Vanoli esordì in casa contro Siena, anche in quel caso dunque contro i Campioni d’Italia. Trenta tappe per la salvezza e poi chissà, senza sognare troppo ma cercando di ripetere, e magari anche migliorare i buonissimi numeri mostrati nella stagione appena chiusa, con la conquista di una storica Final Eight di Coppa Italia e la lotta playoff rimasta aperta fino a due gare dal termine del torneo.

L’esordio in casa sarà l’11 ottobre, contro la Dolomiti Energia Trentino, rivelazione dello scorso campionato, per il primo di due turni interni – il 18 si gioca ancora in casa contro Caserta, la cui iscrizione, come conferma l’asterisco a fianco del nome societario, è ancora sub judice dopo la rinuncia di Roma. A proposito di turni interni, uno dei dilemmi più importanti e sentiti dell’estate sportiva cremonese è ovviamente la convivenza con la Pomì Casalmaggiore, il cui calendario è uscito soltanto ieri. Ebbene, sono quattro i momenti caldi: proprio il 18 ottobre Vanoli e Pomì giocano in casa, mentre tra il 19 e il 20 dicembre le rosa dovrebbero giocare sabato sera (da calendario), i biancoblu invece regolarmente domenica.

Da bollino rosso, per il sovraffollamento, anche il 6 marzo (Vanoli-Capo d’Orlando e Pomì-Scandicci) e il 2-3 aprile (Vanoli-Cantù di domenica, qualche ora prima, di sabato, Pomì-Club Italia). In attesa di risolvere, con buon senso e magari sfruttando qualche posticipo pilotato, la situazione, torniamo ad analizzare il calendario Vanoli: otto trasferte all’andata e sette al ritorno, mentre ben distribuiti appaiono gli scontro contro le big, con Reggio e Milano ospiti al PalaRadi nelle prime quindici gare e Sassari, Venezia e Cantù che arriveranno a Cremona nella fase discendente del torneo. Il periodo più proficuo? Sulla carta va dalla settima alla decima giornata, con le sfide contro Capo d’Orlando, Pistoia, Pesaro e Bologna, tutte alla portata. Il momento peggiore? Sempre da pronostico è fissato tra la fine dicembre e gennaio, fine andata e inizio ritorno, con le sfide contro Milano, Brindisi, Sassari e Trento. Si parte il 4 ottobre, come detto, dalla Sardegna, si chiude il 30 aprile. Poi sarà tempo di playoff. E chissà che per allora Pancotto e i suoi non regalino una clamorosa prima volta.

Giovanni Gardani

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti