Commenta

Grande serata musicale al Museo Civico per il ritorno dell'Ortolano

Bentornato Arcimboldo. Questo il titolo del grande concerto che, sabato 5 settembre, dalle ore 21, si terrà nel cortile del Museo Civico “Ala Ponzone” di via Ugolani Dati, 4. L’ingresso è gratuito e lo spettacolo si terrà anche in caso di pioggia. Si tratta dell’appuntamento clou delle iniziative promosse dal Comune di Cremona per festeggiare il ritorno da Expo del quadro Scherzo di ortaggi, meglio noto come L’Ortolano, di Giuseppe Arcimboldo. Durante la serata si esibirà il duo Musica Nuda composto da Petra Magoni (voce) e Ferruccio Spinetti (contrabbasso), a seguire sarà la volta del curioso Conciorto, progetto di musica e ortaggi di Biagio Bagini e Gian Luigi Carlone (uno dei fondatori della Banda Osiris). Special Guest della serata Frankie hi-nrg mc che racconterà il suo progetto ARTUNE ed insieme ai musicisti ospiti regalerà una piacevole sorpresa al pubblico.
Dopo il successo del concerto tenuto il 16 luglio scorso a Palazzo Trecchi nell’ambito del festival Acque Dotte, torna a Cremona il duo Musica Nuda, nato dall’incontro fortuito tra Petra Magoni e Ferruccio Spinetti. Cantante solista con all’attivo già quattro album, nel gennaio 2003 Petra Magoni aveva in programma un breve tour in alcuni locali della  Toscana con un amico chitarrista. Proprio il giorno del primo concerto, quest’ultimo si ammala. Petra, invece di annullare la data, chiede a Ferruccio, già contrabbassista degli Avion Travel, di sostituirlo all’ultimo minuto. Il concerto ottiene un tale successo che, nel giro di qualche settimana, mettono insieme un intero repertorio composto dalle canzoni che più amano e registrano in una sola giornata il primo album “Musica Nuda”, titolo che darà poi il nome anche al loro duo. In dodici anni di intensa attività concertistica in tutto il mondo, Musica Nuda ha collezionato riconoscimenti prestigiosi. Ferruccio e Petra hanno portato il loro progetto in giro per il mondo, riuscendo a raggiungere anche spazi prestigiosi tra cui l’Olympia di Parigi, l’Hermitage di San Pietroburgo. Sono stati inoltre ospiti del Tanz Wuppertal Festival di Pina Bausch e, sempre in Germania, hanno aperto i concerti di Al Jarreau.
Si possono suonare anche gli ortaggi. La dimostrazione la danno Gian Luigi Carlone, uno dei fondatori della Banda Osiris, e Biagio Bagini, autore di trasmissioni radiofoniche e libri per bambini. Hanno messo in piedi un progetto dal titolo “Conciorto”. I due artisti così descrivo l’iniziativa: “L’orto è lo spazio di riferimento a cui guardano i due suonatori. Perché l’orto è il luogo dove la parola è come un seme. Che poi getta foglioline che sono note. Che poi diventano piante in forma di canzone. Qui crescono canzoni pop, rock e moderne che raccontano i vissuti di melanzane, peperoni e zucchine, e parlano degli stati d’animo dell’orticoltore, oltre a raccontare le storie di orti di personaggi famosi”. Gli ortaggi sono collegati con dei cavi e dei sensori ad un sistema open source che permette di far emettere suoni a qualunque cosa sia in grado di condurre elettricità. Con il semplice tocco degli ortaggi da parte di Carlone si creano suoni con i quali è possibile formare delle vere e proprie canzoni. Insieme a Bagini, che lavora da sempre con le parole, hanno composto i testi che accompagnano le loro musiche. Il risultato è un concerto sostenibile, un vero “live in the garden”.


Infine, la special guest della serata, Frankie hi-nrg mc, che ne è l’ideatore,  racconterà come è nato ARTUNE, l’innovativo progetto di storytelling musicale per l’arte che coinvolge capolavori, musica e web, creando una nuova forma di narrazione delle opere. Gianni Morandi, Fiorella Mannoia, Niccolò Fabi, Caparezza, lo stesso Frankie Hi-Nrg Mc, Giuliano Sangiorgi, Francesco Renga, Elio, Franz di Cioccio e la Banda Osiris sono gli artisti che hanno realizzato le playlist ispirate alla visione de “L’Ortolano” di Arcimboldo, scelto come prima opera per il debutto di ARTUNE, già disponibili su Spotify, la popolare piattaforma di streaming musicale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti