Ultim'ora
Commenta

Agricoltori alla frontiera del Brennero Da Cremona oltre 300 partecipanti

Oltre 300 gli agricoltori che questa mattina sono partiti da Cremona, con i pullman, per partecipare alla manifestazione alla frontiera del Brennero. Tra questi tanti giovani e tanti allevatori, in prima linea nell’azione al valico del Brennero, capitanati dal presidente Paolo Voltini e dal direttore Tino Arosio.

Scopo della manifestazione, quello di difendere l’economia e il lavoro delle campagne dai traffici di schifezze di bassa qualità che varcano le frontiere per essere spacciate come italiane. I manifestanti si sono schierati attorno al tracciato stradale e stanno fermando i camion per sapere cosa arriva e dove va a finire, mentre sono sollevati cartelli per chiedere l’etichettatura di origine obbligatoria per tutti i prodotti alimentari: “No all’Europa che blocca i profughi e spalanca le frontiere alle schifezze” o “Il falso Made in Italy uccide l’Italia”.

“Dall’inizio della crisi sono state chiuse in Italia oltre 172000 stalle e fattorie ad un ritmo di oltre 60 al giorno – è la denuncia di Coldiretti – con effetti drammatici sull’economia, sulla sicurezza alimentare e sul presidio ambientale. E’ intanto l’Europa continua a spalancare le frontiere alle schifezze in arrivo dall’estero anonime (nei tir fermati stamattina, Coldiretti ha già trovato cagliate, pancette, ortaggi) poi destinate ad essere spacciate per made in Italy”.

Per Coldiretti occorre “fermare chi fa affari sulle spalle degli agricoltori e dei consumatori con le speculazioni sui prodotti, favorite dalla mancanza di trasparenza sulla reale origine e sulle caratteristiche degli alimenti, che stanno provocando l’abbandono delle campagne, sulla base dei dati Unioncamere relativi ai primi sei mesi del 2015 rispetto all’inizio della crisi nel 2007”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti