4 Commenti

'La signora Azzolini attenda ad esprimere giudizi sul Cda'

Sulla vicenda di Cremona Solidale e sulla legittimità dell’operato del Consiglio di amministrazione, interviene la consigliera Francesca Pontiggia, Pd. Inizia ironicamente: “Seguo il dibattito sull’ultima commissione vigilanza come se stessi osservando un talk show e dal divano di casa mia mi pare evidente la tecnica utilizzata per trascinare il dibattito ad un livello che definire basso è ancora un eufemismo.
 In puro stile da fascia pomeridiana ci sono la benefattrice, gli accusatori, gli accusati ed i sostenitori di una o dell’altra fazione, molto fumo e poco arrosto, i giornali titolano e la pancia dei cremonesi sussulta, ma per cosa?

“
Uno dei più grossi problemi dell’Italia è l’inamovibilità dei dirigenti pubblici, infatti è risaputo che il popolo sovrano vota i propri referenti politici che poi si trovano ad amministrare macchine governate da dirigenti e tecnici che in realtà hanno più potere dei politici e che quando decidono di mettersi di “traverso” bloccano i progetti degli amministratori democraticamente eletti facendoli pure passare per incapaci.
 Il modello americano tanto decantato dalla destra prevede il cambio di dirigenti contestuale al cambio politico, in Italia ciò non è possibile tranne in Enti a diritto privatistico come l’azienda Cremona Solidale per cui è naturale che ciò avvenga col cambio del cda. 
Il nuovo Presidente ed il nuovo cda hanno lavorato per un anno col direttore Gipponi, prorogandogli il contratto che era immaginabile terminasse nel momento in cui si fosse insediato il  prescelto dalla selezione indetta. La nuova amministrazione ha scelto un’altra persona per gestire l’apparato tecnico amministrativo e ciò dovrebbe far notizia esattamente come un dentista che cura una carie. 
Evidentemente il centro destra vedeva nel dott. Gipponi qualcosa in più di un direttore, forse in virtù del fatto che a volte il dg ha più potere del presidente? La domanda sorge spontanea e non ne conosco la risposta, ma come disse Andreotti: a volte a pensar male si fa peccato, ma ci si azzecca.

“
Alla signora Azzolini – conitnua Pontiggia – chiedo di attendere ad esprimere giudizi di poter valutare l’operato del Cda e del nuovo direttore dott. Tanzi ed i progetti che le sottoporranno e se non gli piacerà sono certa che troverà comunque un’altra lodevole causa. I benefattori di Cremona sono stati tanti ed ognuno ha fatto una scelta encomiabile lasciando parte o tutto il   patrimonio posseduto. Nessuno di loro ha mai guardato al colore politico dell’Amministrazione comunale o al nome di un direttore generale come oggi vogliono farci credere nel talk show del centrodestra. Il lungo elenco di donatori ha solo pensato di migliorare il futuro di cittadini con gravi bisogni.

“
Ora usciamo dal reality  ed entriamo nella realtà: le dimissioni si chiedono quando ci sono gravi problemi di gestione, buchi di bilancio, come accadde per la casa di riposo di Soresina che vide addirittura il commissariamento del comune. Il centrodestra potrà controllare l’operato del nuovo direttore di Cremona Solidale tramite il suo membro del cda visto che gli sono stati democraticamente concessi, lo stesso controllo non potrà purtroppo essere effettuato sulla struttura di Sospiro in cui il centro destra non ha concesso nemmeno un membro di minoranza  nel cda, nessuno che possa controllare nulla, nessuna vigilanza, nessuna democrazia. 
Ringrazio il dott. Gipponi per il lavoro e la dedizione di questi anni e se è vero che ha amato l’azienda gli chiedo perché portarla al TAR per cavilli amministrativi? E’ forse per ricevere un lauto compenso economico?”

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Alfero

    Questa maggioranza è ormai un circo triste. si sono resi conto che ormai l’unica loro attività e doversi sforzare per tentare disperatamente di giustificare l’ingiustificabile. L’unica possbilità per uscirne con un minimo di decoro è staccare la spina e mettere
    fine a questa sofferenza

    • un fascio di luce

      soprattutto quando poi mandano allo sbaraglio, in difesa di azioni poco chiare, persone che neppure han colto evidentemente la domanda fatta dall’opposizione che, nella sua semplicità non trova risposta… perchè sostituire Gipponi se ha agito bene? con quali criteri è stato scelto il sostituto che neppure ha esperienza di amministrazione?
      bastavano due righe, non lettere da ogni appartenente al partito, armato sicuramente di buona volontà ma di scarsa lungimiranza personale… o forse la Pontiggia parla per esperienza personale di enti pubblici, dato che ne ha passati alcuni..
      chi manca ancora… Burgazzi, Arcaini e dulcis in fundo… Gagliardi…
      che la Corrida dei dilettanti continui.. avanti un altro!

  • Alfero

    Questa maggioranza è ormai un circo triste. si sono resi conto che ormai l’unica loro attività e doversi sforzare per tentare disperatamente di giustificare l’ingiustificabile. L’unica possbilità per uscirne con un minimo di decoro è staccare la spina e mettere
    fine a questa sofferenza

    • un fascio di luce

      soprattutto quando poi mandano allo sbaraglio, in difesa di azioni poco chiare, persone che neppure han colto evidentemente la domanda fatta dall’opposizione che, nella sua semplicità non trova risposta… perchè sostituire Gipponi se ha agito bene? con quali criteri è stato scelto il sostituto che neppure ha esperienza di amministrazione?
      bastavano due righe, non lettere da ogni appartenente al partito, armato sicuramente di buona volontà ma di scarsa lungimiranza personale… o forse la Pontiggia parla per esperienza personale di enti pubblici, dato che ne ha passati alcuni..
      chi manca ancora… Burgazzi, Arcaini e dulcis in fundo… Gagliardi…
      che la Corrida dei dilettanti continui.. avanti un altro!