Commenta

Area di via Mantova: negozi, artigianato e forse un nuovo palazzetto dello Sport

L’area su cui dovrà sorgere il nuovo complesso (Foto Sessa)

Del destino dell’enorme area di proprietà della società Immobiliare Guerino in via Mantova si è discusso oggi in Giunta. Spazi produttivi-artigianali, spazi commerciali e un eventuale riserva per attrezzature sportive. L’Immobiliare Guerino è di Soncino e da sempre l’area in oggetto è associata ad Aldo Vanoli, presidente dell’omonima squadra di basket di A1.

Logico quindi che venga associato – anche in Comune dove il pour parler si è fatto già più concreto – alla costruzione di un nuovo palazzetto dello sport sogno neppure più tanto segreto del patron del basket abbastanza a disagio nel vecchio palazzetto dell’area fieristica di Cà de’ Somenzi. L’area è posta in fregio alla via Mantova, quindi facilmente raggiungibile anche dall’uscita del casello autostradale (qualche centinaio di metri di distanza).

L’argomento, portato in Giunta dall’assessore all’area vasta Andrea Virgilio, sostanzialmente prevedeva una riduzione degli spazi commerciali a beneficio di quelli produttivi ed artigianali, togliendo dall’insediamento quelle tipologie che potrebbero danneggiare il commercio in centro città (alimentari, abbigliamento, profumeria ed altro).

Di fatto, la decisione presa in mattinata dalla Giunta è quella di dare “Maggiore flessibilità funzionale all’Ambito di trasformazione San Felice/via Mantova creando un mix funzionale più rispondente alla natura logistica dell’area”. Si è quindi approvato l’avvio del procedimento di verifica di assoggettabilità a Valutazione ambientale strategica (Vas).

In particolare, è stata introdotta la percentuale massima pari al 30% di commercio all’ingrosso in aggiunta alla percentuale massima del 6% prevista per commercio al dettaglio.

La proposta di piano attuativo è anche in variante al Piano delle regole e al Piano dei servizi relativamente al nuovo progetto di rotatoria sulla via Mantova richiesto dall’amministrazione provinciale di Cremona. Questa nuova previsione infrastrutturale è legata al monitoraggio dell’impatto viabilistico generato dal nuovo insediamento in rapporto alla viabilità esistente. “In relazione alla percentuale massima del 6% per il commercio al dettaglio – ha precisato l’assessore Virgilio – sarà premura dell’Amministrazione valutare le merceologie da insediare”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti