Commenta

Medie superfici di vendita e nuove case 'Tengono' gli oneri di urbanizzazione

Edilizia, qualcosa si muove nel panorama cittadino. Conferme dirette e indirette sono le recenti approvazioni di convenzioni edilizie tra Comune e privati, come quella che autorizza l’ampliamento del parco commerciale I navigli, tra tangenziale e via Fabio Filzi; e l’avanzamento di alcune lottizzazioni che erano ferme sulla carta da un po’ di tempo, come quella relativa alla nuova area residenziale in via Flaminia, ambito di trasformazione sui terreni dell’istituto diocesano di sostentamento del clero, con piano attuativo da poco approvato dalla Giunta. Che forse sia in atto un’inversione di tendenza rispetto all’andamento degli ultimi anni, è testimoniato anche dal fatto che gli introiti da oneri di urbanizzazione per il Comune quest’anno sono in linea con le previsioni: 1,5 milioni circa. Non era un dato scontato, come conferma l’assessore all’Urbanistica, Patrimonio, Area Vasta Andrea Virgilio: “Certo, siamo lontanissimi dagli introiti di 5 – 6 anni fa, quantomeno le previsioni quest’anno vengono rispettate”. “Merito”, anche, delle medie strutture di vendita, previste dal vigente Pgt approvato durante il governo di centrodestra, che consentono all’ente locale di monetizzare sia sulla base di nuove aperture, sia per semplici trasferimenti. Rientra nel primo caso, ad esempio, il nuovo supermercato in costruzione in via Massarotti (tra le proteste dei residenti di via Aquileia). Proprio per evitare conflitti di questo genere senza imbrigliare eccessivamente l’attività imprenditoriale, il Comune si sta orientando verso l’autorizzazione di nuove (o trasferimento di esistenti) medie superfici di vendita nei quartieri meno inflazionati e che più necessitano servizi. Classico esempio il Maristella, dove un servizio di questo genere è molto richiesto dai resideoneri - dentronti.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti